Domenica, 13 Giugno 2021
Cronaca

Caos tributi, l'assessore Iaverone: "La scadenza del 31 dicembre non è perentoria"

"Abbiamo dato la possibilità di rateizzare con quattro scadenze, ma nulla vieta di pagare tutto l'importo con l'ultima rata"

Ecco quanto dichiarato dall'assessore alle finanze del Comune di Avellino, Maria Elena Iaverone, in merito alla delicatissima questione relativa alle numerose rettifiche da apportare agli avvisi di pagamento ricevuti: 


"La scadenza del 31 dicembre non è certamente perentoria. Non ci saranno interessi e sanzioni per i ritardi di pagamento. Quello ricevuto dai cittadini non è altro che un avviso di pagamento della Tari 2016, che scadrà regolarmente a giugno 2017. Abbiamo dato, inoltre, la possibilità di rateizzare con quattro scadenze. Ovviamente nulla vieta di pagare tutto l'importo in una sola rata". 


Come molti sapranno, la riscossione della Tari 2016 è divenuta competenza del Comune. La querelle è nata dai molteplici errori nell'emissione degli avvisi di pagamento, giunti anche a persone decedute. Adesso sarà possibile pagare anche dopo il 31 dicembre. Infine, dal 2 gennaio, varierà l'orario degli sportelli dell'ufficio tributi. E diverrà il seguente: 

lunedì dalle ore 9.00 alle ore 12.00; il martedì dalle ore 15.30 alle ore 17.00; il mercoledì dalle ore 9.00 alle ore 12.00; il giovedì dalle ore 15.30 alle ore 17.00 e il venerdì dalle ore 9.00 alle ore 12.00.

Per gli avvisi di accertamento relativi ad ICI/IMU gli utenti potranno rivolgersi al Settore Urbanistica, al quarto piano di Palazzo di Città, negli stessi orari di ricevimento. Le istanze e le richieste di iscrizione/variazione potranno essere sempre trasmesse a mezzo PEC o consegnate direttamente all’Ufficio Protocollo del Comune nei giorni di apertura al pubblico.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caos tributi, l'assessore Iaverone: "La scadenza del 31 dicembre non è perentoria"

AvellinoToday è in caricamento