menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Campo Coni, il presidente Federazione Atletica Leggera contro l'amministrazione

"L’amministrazione più che permettere l’utilizzo dell’impianto sembra interessata a scoraggiarne la fruizione"

"Apprendiamo con piacere che l’Amministrazione comunale si interessa del campo CONI di via Tagliamento. Tuttavia, siamo, al contempo, davvero preoccupati poiché l’Amministrazione se ne occupa nel modo sbagliato". Inizia così, la nota stampa firmata dal Presidente Provinciale della Federazione Italiana di Atletica Leggera, Pietro Carpenito. Un durissimo atto d’accusa nei confronti di Palazzo di Città sui ritardi, le omissioni e le contraddizioni sulla gestione della struttura di via Tagliamento.

"Dopo mesi di proteste, l’Amministrazione comunale ha adottato un provvedimento sul campo CONI. Comincia con il disciplinare l’accesso e persino i costi per l’ingresso ad una struttura che al momento non è materialmente e oggettivamente fruibile. Si preoccupa di indicare le regole che disincentivano l’utilizzo della struttura prima di creare le condizioni per il reale e dignitoso godimento dell’impianto. È l’atteggiamento tipico - continua Carpenito- di Amministratori che affrontano le questioni senza averne una conoscenza diretta e completa. Eppure basterebbe poco al Sindaco, agli Assessori, ai Delegati, ai Consiglieri, ai Dirigenti e ai funzionari per assumere buone decisioni. Basterebbe che si recassero al Campo e abbandonassero l’atteggiamento della difesa a tutti i costi di un operato che sin qui si è rivelato disastroso.

Gli spogliatoti sono ancora nelle pessime condizioni in cui versano ormai da mesi e da anni; la Pista è praticamente interdetta agli atleti avellinesi che ormai sono costretti a recarsi presso altre strutture della provincia o della Campania per allenarsi.

E intanto l’Amministrazione comunale è sorda agli appelli della FIDAl e del Gruppo Giudici Gare della Federazione. Ha persino ignorato le buone regole della cortesia istituzionale non avendo fornito un riscontro di ricevuta all’istanza avanzata ormai circa un mese orsono dai due organismi per sollecitare la riapertura del campo alle gare di atletica.

E fin qui solo già tre le manifestazioni regionali che erano state programmate ad Avellino e sono state poi annullate o trasferite ad altre sedi.

L’amministrazione più che permettere l’utilizzo dell’impianto sembra interessata a scoraggiarne la fruizione".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AvellinoToday è in caricamento