rotate-mobile
Giovedì, 19 Maggio 2022
Cronaca

Caos vaccini, il Prefetto Spena: "Dopo qualche difficoltà, il percorso è stato chiarito"

Queste sono state le dichiarazioni di Paola Spena, Prefetto di Avellino - a margine dell’incontro tenutosi questa mattina presso il Conservatorio Cimarosa - relativamente alla campagna vaccinale

“Io credo che, dopo qualche difficoltà, il percorso sia stato chiarito – dichiara il Prefetto di Avellino, Paola Spena – la collaborazione tra il Governo e la Regione continuerà stabilmente. Già ieri è stato chiarito relativamente agli Over 60 e coloro che hanno fatto la prima dose di AstraZeneca 80 giorni fa. Le dosi ci sono. Io penso che si procederà tranquillamente. Sta montando l’interesse di tutti e tutti vogliono fortemente vaccinarsi. L’importante, adesso, è recuperare il tempo perso con le farmacie. Quest’ultime erano tarate per Johnson & Johnson e ora dovranno riorganizzarsi con Pfizer e Moderna. Anche in questo caso, però, sono convinta che l’Unità di Crisi della Regione Campania darà una risposta in tempi brevi e senza intoppi”.

Queste sono state le dichiarazioni di Paola Spena, Prefetto di Avellino - a margine dell’incontro tenutosi questa mattina presso il Conservatorio Cimarosa - relativamente alla campagna vaccinale.

Quale terza dose per chi riceve vaccini diversi in prima e seconda dose? La decisione del governatore De Luca 

"Noi proseguiremo con la campagna di somministrazione di vaccino Pfizer e Moderna. Abbiamo sospeso le somministrazioni di altri vaccini che hanno determinato eventi preoccupanti, e abbiamo sospeso anche la somministrazione di vaccini eterologhi, abbiamo deciso di non fare la seconda dose con vaccini Pfizer a chi ha fatto come prima dose AstraZeneca. O meglio, a chi ha fatto AstraZeneca sopra i 60 anni, non c'è problema, faremo il richiamo con lo stesso vaccino", le parole del governatore Vincenzo De Luca. "Sotto i 60 anni avremo una linea di maggiore prudenza, perché la somministrazione di vaccini diversi non ha avuto sul piano internazionale una sperimentazione ampia". Domenica "abbiamo mandato, come Unità di Crisi, una nota tecnica al Ministero della Salute perché ci dia chiarimenti motivati". De Luca pone però anche un altro tema. "Se si somministra come seconda dose a chi ha fatto Astrazeneca un altro vaccino tipo Pfizer, quando si decidesse di fare la terza dose di Pfizer, com'è prevedibile che sia a dicembre e gennaio, cosa succede?". E' uno dei quesiti che il presidente della regione Campania, Vincenzo De Luca, ha posto al ministero della Salute, in una lettera, sul tema del mix di vaccini. "Sono questioni delicate che richiedono grande collaborazione fra tutti i livelli istituzionali ma anche una grande chiarezza nelle posizioni", conclude.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caos vaccini, il Prefetto Spena: "Dopo qualche difficoltà, il percorso è stato chiarito"

AvellinoToday è in caricamento