menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto Marchetti

Foto Marchetti

Camorra e racket del cemento: pubblici ufficiali tra gli arrestati

Le indagini sono partite dagli omicidi di Miele e Basile del 2013 e non si fermeranno con questi arresti

L'operazione "Mandamento" ha portato all'arresto di otto persone. Tutto su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia per reati di estorsione, rifiuto di atti d’ufficio, turbata libertà degli incanti e reati connessi con le armi.  
Nel corso della conferenza stampa tenutasi presso la sede del Comando Provinciale dei Carabinieri di Avellino, è stato sottolineato che le indagini sono partite dagli omicidi di Miele e Basile del 2013 e non si fermeranno con questi arresti. Alla conferenza, erano presenti il Comandante Provinciale Franco Di Pietro, il Tenente Quintino Russo, il Maggiore Luigi Nocerino e il Pubblico Ministero della Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli, Francesco Soviero. Questa mattina è stato individuato e sgominato il gruppo criminale che terrorizzava l'intera area tra minacce, estorsioni, sequestri e appalti truccati. 

Il video del blitz all'alba

Per cinque persone raggiunte dall'ordinanza è stata emanata la custodia cautela in carcere, solo una è risultata irreperibile. Ecco l'elenco: 

G.A. 58enne di Avella , imprenditore, pregiudicato 
M.G. 53enne di Avella, operaio, pregiudicato 
O.A. 54enne di Avella, pregiudicato 
E.I. 47enne di Avella, commerciante 
S.G. 61enne di Mugnano del Cardinale, commerciante, pregiudicato 
Altri tre saranno agli arresti domiciliari: 
N.B. 39enne di Avella, imprenditore, pregiudicato 
N.V. 49enne di Baiano, libero professionista 
L.C. 55enne di Baiano, funzionario comunale 

Un appalto da due milioni di euro. Il sistema era complesso e prevedeva il controllo dei pubblici appalti con la relativa assegnazione a ditte colluse per la fornitura di calcestruzzo all'intero Mandamento Baianese. Tra gli indagati, anche due persone che, per imporre le proprie richieste, non hanno esitato a sequestrare tre imprenditori: un padre e due figli tenendoli sotto il tiro delle pistole. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Disfunzioni idriche in Irpinia: l'avviso di Alto Calore

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AvellinoToday è in caricamento