rotate-mobile
Venerdì, 2 Dicembre 2022
Cronaca

Camminata Rosa, irrompe il caso degli sms ai Volontari del Servizio Civile: "Se non partecipate vi decurteremo due giorni di stipendio"

Il sindaco di Mercogliano Vittorio D'Alessio chiarisce la questione: "L'entusiasmo per l'evento imminente ha indotto qualche responsabile a invitare in maniera più forte i ragazzi a partecipare"

Camminata Rosa. Irrompe il caso degli sms inviati ai Volontari del Servizio Civile, nei quali viene chiesto l'obbligo di partecipazione alla manifestazione che si terrà, il prossimo 2 ottobre, con partenza da Viale San Modestino, a Mercogliano.

"Comunichiamo a tutti i volontari di tutti i progetti e di tutte le sedi che il giorno 2 ottobre devono partecipare all'organizzazione e allo svolgimento della 'Camminata Rosa' e a essere presenti per tutta la durata dell'evento" è l'incipit del messaggio ripreso dall'edizione odierna de Il Mattino. "L'appuntamento è alle 8 davanti la Pro Loco di Mercogliano. In caso di non partecipazione all'evento verranno decurtati due giorni dallo stipendio".

D'Alessio: "Nessuno è obbligato a partecipare e nessuno perderà lo stipendio"

Il tono, quasi minaccioso, con cui si chiude l'sms ha indotto, questa mattina, il sindaco di Mercogliano, Vittorio D'Alessio, a chiarire la questione: "Credo che sia una bolla di sapone. Probabilmente, l'entusiasmo per la Camminata Rosa, prossima allo svolgimento, ha indotto qualche responsabile del progetto di Servizio Civile a invitare in maniera più forte i ragazzi a partecipare. Nessuno è obbligato a partecipare e nessuno perderà lo stipendio. Oltretutto, ci tengo a precisare che i ragazzi del Servizio Civile, nella fase dei colloqui, hanno dimostrato massima disponibilità a prendere parte agli eventi che si svolgono nei giorni festivi. Pertanto, accettano anche questo tipo di inviti. Poi, è normale che, laddove qualcuno possa essere un po' più refrattario ad accettarli, ci sia qualcuno che tende a stimolarli un po' di più. Mi sembra si sia alzato un polverone inutile".

Il primo cittadino, tuttavia, ammette l'errore commesso, in termini comunicativi, da chi ha elaborato e veicolato il messaggio: "Sicuramente, la forma è stata poco ortodossa. Se l'avessi saputo, non avrei fatto inviare questo sms. Già oggi, c'è stato un incontro di chiarimento con i ragazzi. La volontà era, semplicemente, quella di far capire loro che domenica c'è un evento importante, un evento che non esclude nessuno".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Camminata Rosa, irrompe il caso degli sms ai Volontari del Servizio Civile: "Se non partecipate vi decurteremo due giorni di stipendio"

AvellinoToday è in caricamento