rotate-mobile
Giovedì, 13 Giugno 2024
Cronaca Ariano Irpino

Scandalo università, Zecchino sul familismo: "Aspetto naturale in tutti i campi"

L'ex ministro attacca duramente anche Cantone, presidente dell'Anticorruzione

Ortensio Zecchino, ex ministro dell’Università, finito nella bufera mediatica ma non giudiziaria che riguarda il Suor Orsola Benincasa e che vede coinvolto il figlio Francesco non si sottrae alle domande del direttore di Canale 58 Gianni Raviele. Secondo l'accusa, Francesco, vincitore di un concorso per ricercatore, sarebbe stato favorito dal Rettore dell'Ateneo. Zecchino, padre e figlio non sono stati indagati.

“C’è una condizione psicologica di chi si sente ferito. Il meccanismo del tritacarne mediatico, sbatte il mostro in prima pagina e non consente una messa a punto che renda edotti sulla contezza della vicenda. Accusati senza potersi difendere” annuncia Ortensio Zecchino che aggiunge "il rettore D’Alessandro lo conosco da 50 anni, perché allievo di Antonio Villani, con quest’ultimo sono stato amico e condiviso le sue esperienze”

Sul familismo, Zecchino dice: “Tema che va approfondito. C’è un dato pacifico, la trasmissione del mestiere tra padre in figlio è un aspetto naturale. Mi domando ma nel giornalismo non avviene lo stesso, ma ciò capita anche nel mondo della magistratura, sarà un caso, credo perché figlio magistrato si attrezza per fare ciò. Conosco tanti magistrati figli di magistrati, universitari figli di universitari, giornalisti figli giornalisti, medici lo stesso, emulazione paterna non è così strana. Il fatto non riguarda solo l’università”.

Alla sollecitazione di Raviele sulle parole di Raffaele Cantone,  Presidente dell'Autorità Nazionale Anticorruzione, non tenero nei confronti dell’Istituzione università, l’ex ministro senza peli sulla lingua ci va giù duro: “Abbiamo eletto alcuni personaggi a pubblici censori a garanti della moralità, che rappresenta l’anticamera della soppressione della libertà democratica. La corruzione non si combatte innalzando idoli o creando idoli maestri o tutori della moralità, la moralità si coltiva anche con l’esempio. Cantone non ha adeguata conoscenza dell’università, fatta al suo tempo, ma pontifica perchè questo momento è idoneo, clima, mass mediaticità amplifica anche episodi gravi, che quando ci sono vanno criminalizzati. Ma ci sono lo dico alla magistratura ci sono in tutte le categorie, anche la magistratura sceglie per cooptazione”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scandalo università, Zecchino sul familismo: "Aspetto naturale in tutti i campi"

AvellinoToday è in caricamento