menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Bracconaggio in area protetta: denunciato cacciatore

Ora sono guai seri per lui

Il personale della Stazione Carabinieri Forestale di Bagnoli irpino, all’esito di controlli mirati alla protezione della fauna selvatica ed al contrasto al fenomeno dei bracconaggio, ha deferito alla Procura della Repubblica di Avellino un cinquantasettenne originario del napoletano in quanto sorpreso ad esercitare l’attività venatoria in località “Rotonda – Petinite” del comune di Montella ricadente nel perimetro del Parco regionale dei Monti Picentini, nonché in zona di protezione speciale e sito di importanza comunitaria.

I militari, durante un normale pattugliamento del territorio, notavano alla predetta località un’auto in sosta; insospettiti, procedevano ad un controllo presso la banca dati, appurandone la proprietà in capo ad un soggetto che risultava, altresì, titolare di porto di fucile.

Pertanto, procedevano ad una mirata ricerca nella zona, imbattendosi nell’uomo armato di fucile calibro 12 e di un cane di razza “setter”, in inequivocabile atteggiamento di caccia. Scattava quindi la denuncia in stato di libertà alla competente Autorità giudiziaria, mentre l’arma veniva sottoposta a sequestro.

Le attività di contrasto e simili fenomeni proseguiranno, con costante attenzione da parte dei carabinieri, sull’intera provincia, e con maggiore impulso nelle aree particolarmente protette.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Vaccini Covid, si aprono le prenotazioni per gli over 60

Attualità

Psicosi Astrazeneca, in Campania uno su tre rinuncia

Attualità

Ciclo vaccinale completo: la Campania ultima regione d'Italia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AvellinoToday è in caricamento