menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Bonifica ex Isochimica, De Luca avverte Foti: "Muoviti altrimenti ci penso io"

Sarebbe un brutto colpo per l'amministrazione comunale vedersi superata dalla Regione sulla questione bonifica visto che il primo cittadino ha più volte citato l'opera nei suoi propositi

Determinato come sempre, il governatore Enzo De Luca in commissione d'inchiesta morti bianche in Senato manifesta tutta la sua volontà a mettere la parola fine al risanamento dell'area ex Isochimica.

"La Regione è pronta a farsi carico dell'intero intervento, - annuncia De Luca - se gli uffici comunali non si sbrigano, siamo pronti ad appaltare direttamente noi l'opera. Un'iniziativa di extrema ratio perché essendo custode del sito con il sindaco Foti, sarei per mantenere un rapporto istituzionale di grande sinergia. Quindi chiedo a lui di darci cronoprogramma puntuale al minuto su elaborazione del progetto esecutivo. L'obiettivo è aprire il cantiere per la bonifica definitiva entro la fine dell'anno". 

Parole che segnano non poco in ambito cittadino. La Regione pronta a superare l'empasse che regna nell'amministrazione retta da Paolo Foti.

"Abbiamo avviato un programma straordinario di monitoraggio ambientale su tutta la Campania, -conclude De Luca -in particolare Terra dei Fuochi che estenderemo all'ex Isochimica in collaborazione con Cnr, Istituto superiore di Sanità, Istituto Zooprofilattico, l'Organizzazione mondiale della Sanità e l'Istituto Pascale per avere una volta tanto valutazione scientificamente fondata sulle condizioni ambientali di tutta la Campania per chiarire i nessi tra agenti inquinanti, condizione di falde e acquifere e terreni e patologie. Avvertiamo l'esigenza di avere una documentazione fondata per liberarci da tante opinioni che circolano a volte a ruota libera". 

“Accogliamo la richiesta del presidente De Luca di sollecitare il Governo affinché siano varati i decreti attuativi della legge di Stabilità 2016 in relazione ai fondi previsti per la bonifica dell’ex Isochimica di Avellino. Si tratta infatti di 3 milioni di euro all’anno per il biennio 2016-2017 necessari per provvedere all’avvio della completa bonifica dell’area. In settimana presenterò un’interrogazione parlamentare e chiederò di audire il Governo in Commissione, oltre a realizzare un’istruttoria in merito”. Lo afferma in una nota la presidente della Commissione parlamentare d’inchiesta sugli infortuni sul lavoro e sulle malattie professionali, Camilla Fabbri, a conclusione dell’audizione del presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca in merito all’ex sito industriale dell’Isochimica di Avellino. “Abbiamo evidenziato al presidente De Luca – continua Fabbri- la necessità di provvedere, per quanto riguarda la Campania, all’istituzione del Registro dei Tumori per tutte le province e all’aggiornamento di quello dei Mesoteliomi, i cui dati sono fermi al 2012. Abbiamo quindi apprezzato l’impegno dichiarato del presidente su questo tema importantissimo, così come la sua determinazione sul cronoprogramma del progetto esecutivo di bonifica. Per quanto riguarda il sito dell’ex Isochimica, per il quale la Procura di Avellino sta procedendo per il reato di omicidio colposo, lesioni colpose e disastro colposo – conclude Fabbri- continueremo ad indagare, trattandosi di un dramma che ha riguardato 300 lavoratori e le loro famiglie, ma anche un’intera comunità, essendo nata una questione ambientale ancora irrisolta dopo 30 anni”.  

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AvellinoToday è in caricamento