rotate-mobile
Cronaca

Bonifica ex Isochimica, i tempi si allungano

Il silos più alto è a rischio crollo

La bonifica dell'ex Isochimica continua ma i tempi sono destinati ad allungarsi, e non di poco. La rimozione dei silos avrebbe dovuto concludersi entro il 7 luglio ma il termine sarà certamente non prima della fine del mese. Le cause sono da ricercare in alcune difficoltà legate al rischio di cedimento del silos grande che presenta un deterioramento piuttosto profondo della parte inferiore della torre, alta oltre 17 metri. 

L'azienda che sta occupandosi del progetto, la "PmtEcologia" di Civitavecchia, ha provveduto a rimuovere l'impalcatura metallica con cui il silos era stato messo in sicurezza tre anni fa, ma date le condizioni in cui versa la struttura la ditta ha deciso di rinforzarla la base per scongiurare ogni rischio di cedimento durante le operazioni di taglio della base della torre. 

Le operazioni in auge hanno obbligato la ditta a chiedere una proroga di 20 giorni rispetto al termine del 7 luglio previsto inizialmente per la rimozione del silos.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bonifica ex Isochimica, i tempi si allungano

AvellinoToday è in caricamento