rotate-mobile
Cronaca

Il Bomba Day è finito, le istituzioni in coro: "E' stato un successo"

Le operazioni, iniziate a partire dalle prime ore del mattino, si sono svolte senza intoppi, con l'ordigno bellico che è stato fatto brillare in una cava ad Atripalda

È tutto finito. L’ordigno è stato fatto brillare nella cava di Atripalda. Questa, per il capoluogo irpino, è stata una giornata lunga ed estenuante; cominciata con le operazioni di evacuazione questa mattina. Fortunatamente, tutto è andato per il meglio. Il “Bomba Day” si è concluso con successo o, forse, è il caso di dire “brillantemente”.

Cala il sipario sul Bomba Day: un successo senza intoppi

Tutto è cominciato alle 6:30 di questa mattina, quando circa 2.500 persone sono state fatte evacuare dalla cosiddetta "zona rossa", vale a dire l'area circostante l'ordigno bellico, collocato sulle sponde del fiume Fenestrelle, nei pressi del Ponte della Ferriera.

Intorno alle 12:30, sono iniziate le operazioni di despolettamento, con i volontari dell'Esercito impegnati fino alle 14 circa nelle operazioni di disinnesco dell'ordigno. Infine, la bomba è stata trasportata in una cava ad Atripalda per l'ultima fase, quella di brillamento.

Il tutto è avvenuto senza intoppi. Grazie a tutte le istituzioni che hanno collaborato, a cominciare dal comune di Atripalda. Così come la Protezione Civile e i Vigili del Fuoco – afferma con grande soddisfazione il prefetto di Avellino, Paola Spena – c’è stato un lavoro in sinergia da parte di tutti. Un lavoro importante, durato anni. Siamo contenti di essere riusciti finalmente a portarlo a termine. Le operazioni dell’esercito sono state svolte con una tempistica perfetta. Tutto è andato nel migliore dei modi”.  

Il sindaco di Avellino, Gianluca Festa, ha rimarcato il successo delle operazioni di disinnesco e distruzione dell'ordigno: "Un ringraziamento speciale al Prefetto, alle Forze dell'Ordine e all'Esercito, che hanno contribuito al successo di questa operazione. La comunità ha dimostrato grande collaborazione. Tutto ha funzionato per il meglio, anche un pò in anticipo sui tempi previsti. Finalmente ci siamo liberati di questa incombenza che, in qualche modo, aveva anche impedito il completamento dei lavori del tunnel".

“Le operazioni di bonifica dell’ordigno bellico proveniente da Avellino si sono appena concluse – dichiara Giuseppe Spagnuolo, sindaco di Atripalda – è andato tutto bene. Ringraziamo i cittadini di Atripalda che, per qualche ora, si sono dovuti allontanare dalle loro case. Adesso è possibile rientrare in casa in totale sicurezza, anche grazie all’impegno delle forze dell’Ordine e dell’Esercito italiano che, in sinergia, hanno consentito che le operazioni venissero svolte nel migliore dei modi. Finalmente abbiamo risolto un problema che, da tempo, opprimeva le città di Avellino e Atripalda”.   

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Bomba Day è finito, le istituzioni in coro: "E' stato un successo"

AvellinoToday è in caricamento