rotate-mobile
Cronaca

Il Bomba Day è finito: ecco il resoconto di una giornata "brillante"

Le operazioni, iniziate a partire dalle prime ore del mattino, si sono svolte senza intoppi, con l'ordigno bellico che è stato fatto brillare in una cava ad Atripalda

È tutto finito. L’ordigno è stato fatto brillare nella cava di Atripalda. Questa, per il capoluogo irpino, è stata una giornata lunga ed estenuante; cominciata con le operazioni di evacuazione questa mattina. Fortunatamente, tutto è andato per il meglio. Il “Bomba Day” si è concluso con successo o, forse, è il caso di dire “brillantemente”.

Cala il sipario sul Bomba Day: un successo senza intoppi

Tutto è cominciato alle 6:30 di questa mattina, quando circa 2.500 persone sono state fatte evacuare dalla cosiddetta "zona rossa", vale a dire l'area circostante l'ordigno bellico, collocato sulle sponde del fiume Fenestrelle, nei pressi del Ponte della Ferriera.

Intorno alle 12:30, sono iniziate le operazioni di despolettamento, con i volontari dell'Esercito impegnati fino alle 14 circa nelle operazioni di disinnesco dell'ordigno. Infine, la bomba è stata trasportata in una cava ad Atripalda per l'ultima fase, quella di brillamento.

Il tutto è avvenuto senza intoppi. Il sindaco di Avellino, Gianluca Festa, ha rimarcato il successo delle operazioni di disinnesco e distruzione dell'ordigno: "Un ringraziamento speciale al Prefetto, alle Forze dell'Ordine e all'Esercito, che hanno contribuito al successo di questa operazione. La comunità ha dimostrato grande collaborazione".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Bomba Day è finito: ecco il resoconto di una giornata "brillante"

AvellinoToday è in caricamento