menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Bagnoli grida al miracolo: la Sacra Spina diventa rossa

Un episodio avvenuto nel venerdì Santo a Bagnoli ma divulgato qualche giorno fa durante la celebrazione eucaristica

Arrossamento della Sacra Spina. Un episodio avvenuto nel venerdì Santo a Bagnoli ma divulgato qualche giorno fa durante la celebrazione eucaristica. 

Nella chiesa madre di Bagnoli Irpino da secoli si tramanda il culto del bacio della sacra spina al termine della “Via Crucis”. La reliquia in questione venne donata nel XVI secolo dal bagnolese Ambrogio Salvio al locale monastero domenicano. Il Salvio fu confessore personale dell’imperatore Carlo V, del papa Pio IV e vicario generale dell’ordine domenicano; pertanto la sua dichiarazione di aver ricevuto questa spina da persone di fiducia non fu mai messa in dubbio. Ancora oggi il reliquario contenente la spina reca lo stemma vescovile in ceralacca del Salvio.

Il parroco locale don Stefano Dell’Angelo ha provveduto a monitorare la sacra spina sin dalle prime ore del mattino documentando fotograficamente il fenomeno. Di seguito riportiamo una sintesi delle osservazioni: alle ore 7.45 annota di osservare ad occhio nudo e con lente d’ingrandimento la spina presentante il sangue raggrumato (così appare a vista, ma la spina è sigillata e non è possibile accertare la provenienza del materiale) di colore scuro e i due puntini di un rosso vivo al centro.

Alle ore 7:50 i due puntini rossi iniziano ad espandersi.

 Alle ore 9:00 i due punti rossi si sono estesi fino a creare un’unica massa visibile ed anche la punta laterale ha assunto questa colorazione. Il fenomeno è visibile con la lente d’ingrandimento e s’inizia a percepire anche ad occhio nudo.Alle ore 9:15 sotto i raggi del sole provenienti dal finestrone sopra l’altare di S. Filomena l’intera punta della spina è passata dal suo colore scuro a un rosso vivo. Il fenomeno è abbastanza visibile, quindi il parroco provvede a documentarlo scattando alcune fotografie con il cellulare. Tra le ore 9:30 e le ore 10 il sacrestano Pascal Marzo si reca in chiesa e controlla la sacra spina su cui non è più presente nessun segno del fenomeno.

 Nel corso della mattinata anche il parrocchiano Angelo Miranda si reca in chiesa e non notando alcun fenomeno sulla spina provvede, comunque, a scattare alcune foto alla reliquia.

Il parroco provvede alla redazione di una relazione del fenomeno per il vescovo della diocesi di Sant’Angelo dei Lombardi, ipotizzando il verificarsi dell’evento in concomitanza con le ore in cui (dai Vangeli) sembra si sia verificata la flagellazione e la coronazione di spine di Gesù

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Zona Rossa, la precisazione della Regione Campania

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AvellinoToday è in caricamento