menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Operai senza casco in un cantiere Inail: e la sicurezza sul lavoro?

Una situazione che fa comprendere con chiarezza che, in pratica, ci sono state tante parole ma nessun fatto

Era appena il 22 giugno scorso quando, a Roma, nella sala della Regina a Montecitorio, il presidente dell’Inail ( l’Istituto nazionale assicurazione infortuni sul lavoro) Massimo De Felice ha presentato i dati sugli infortuni sul lavoro avvenuti nell’anno 2015. In un anno ci sono stati 694 morti sul posto di lavoro, 416mila infortuni, 11milioni le giornate di inabilità, con i relativi costi a carico dell’Inail.

Adesso, l’immagine degli operai che lavorano ai restauri della sede Inail senza nessun tipo di protezione, fa comprendere con chiarezza che, in pratica, ci sono state tante parole ma nessun fatto.

Ci preme sottolineare, inoltre, quanto riportato sul sito ufficiale dell'Inail:

“L’Inail svolge attività di prevenzione dei rischi lavorativi, di informazione, di formazione e assistenza in materia di sicurezza e salute sul lavoro. Per contribuire alla riduzione degli infortuni e per far crescere nel Paese una vera e propria cultura della sicurezza, l’Istituto realizza e promuove la costante evoluzione di un sistema integrato di tutela del lavoratore e di sostegno alle imprese, efficiente e innovativo, capace di offrire strumenti mirati e accessibili a tutti”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Zona Rossa, la precisazione della Regione Campania

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AvellinoToday è in caricamento