menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Gestione dell'Eliseo: pubblica o privata il Comune prende altro tempo

L'assessore Gambardella ha garantito una decisione entro tre settimane

La gestione dell'Eliseo torna ad essere discussa in aula nel corso del Consiglio comunale.

Due mozioni e un ordine del giorno sono stati affrontati ieri seri dal parlamentino avellinese. Da un lato il nuovo gruppo consiliare "Si può" ha chiesto per l'ex Eliseo il riconoscimento quale bene comune, nonché la sperimentazione della gestione condivisa della struttura.

Dall'altro il gruppo "Davvero" ha proposto l'istituzione di una fondazione di partecipazione per la gestione dell'ex Gil.

Laura Nargi, invece presidente della prima commissione cultura ha portato in aula un ordine del giorno firmato dal consigliere Mario Cucciniello e dal presidente del Consiglio comunale Livio Petitto, pretendendo il massimo impegno da parte dell'amministrazione per attivare tutte le procedure necessarie e consentire finalmente l'apertura del complesso denominato Ex Gil, rispettando i dettami sanciti dal Consiglio Comunale con la delibera n.80/11 e prevedendo come forma giuridica per la gestione una Fondazione di partecipazione, in cui il Comune di Avellino sia partner istituzionale.

In soldoni a tenere banco per ore due mozioni molto diverse e nessuna decisione: Il fronte della sinistra capeggiato da Giancarlo Giordano che osteggia a gran voce una gestione privata e Gianluca Festa che guarda al coinvolgimento dei privati attraverso un procedimento ad evidenza pubblica fermo restando la supervisione del Comune.

L'assessore alla cultura Bruno Gambardella ha garantito la soluzione entro tre settimane, ma al momento la seduta di ieri è terminata con un altro rinvio.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Zona Rossa, la precisazione della Regione Campania

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AvellinoToday è in caricamento