Domenica, 13 Giugno 2021
Cronaca

Dogana, il Comune fa marcia indietro sull'asta: vai con l'esproprio

La Dogana continua ad essere vittima della sporcizia, sacchi di rifiuti ammassati da mesi

Cosa ne sarà della Dogana? Dal vertice di questa mattina a Palazzo di Città a cui hanno preso parte la commissione all'urbanistica, il dirigente Fernando Chiaradonna, l'assessore Geppino Giacobbe, l'assessore Ugo Tomasone, l'assessore Anna Carbone, il consigliere Giancarlo Giordano e Franco Festa in qualità di presidente del comitato Salviamo la Dogana, emerge ancora tanta incertezza e perplessità.

Dopo la gioia espressa dal Comune di Avellino per la notizia dell'asta che dava all'Ente il diritto di prelazione e la possibilità di acquistarla, adesso gli amministratori fanno marcia indietro e imboccano nuovamente la strada dell'esproprio. L'assessore Carbone ha infatti espresso la volontà di procedere con l'esproprio e quindi di chiedere la sospensione dell'asta. Contemporaneamente Palazzo di Città ha chiesto il dissequestro del bene.

La Dogana infatti è ancora sotto sequestro della Procura, e non ci saranno sviluppi se non verranno attuati interventi aggiuntivi di messa in sicurezza. A tale esigenza il Comune risponde con 40.000 euro pronti pronti per lavori quali: telemonitoraggio, sistemazione del muro nord, indagini geologiche e geotecniche.

Risultato: un pugno di mosche. L'appuntamento sulla dogana è rinviato a settembre per nuovi aggiornamenti.

Intanto davanti all'antico edificio regna il degrado e la sporcizia. Questa notte i sacchi dell'immondizia che campeggiano da mesi davanti la facciata sono stati aperti, dentro c'è di tutto: plastica, materiale di scarto, muratura. Tutti questi rifiuti saranno presto in giro per Piazza Amendola dove le incurie già non mancano.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dogana, il Comune fa marcia indietro sull'asta: vai con l'esproprio

AvellinoToday è in caricamento