menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Aumenti del costo dell'acqua: ad Avellino una famiglia ha speso il 9% in più

È quanto emerge dal 14° monitoraggio Federconsumatori, in tutte le città capoluogo, sulle tariffe e sugli standard di qualità forniti agli utenti

È quanto emerge dal 14° monitoraggio Federconsumatori, in tutte le città capoluogo, sulle tariffe e sugli standard di qualità forniti agli utenti.


Andando ad analizzare i risultati per quanto riguarda gli aumenti registrati nelle diverse città nel 2015, Federconsumatori registra "una spesa per la famiglia tipo del +10% a Matera e Potenza, +9% ad Avellino, Biella, Como, Frosinone, Gorizia, Lecco, Pesaro, Sondrio, Treviso, Vicenza, Viterbo mentre all'opposto calano a Trapani del 10%, Campobasso -5%, Bologna -4%. Le città invece più care per la bolletta si trovano in prevalenza in Toscana: Pisa 442 euro, Siena 436, Grosseto 436, Frosinone 432, Enna 419, Pesaro e Urbino 418, Firenze 402, Carrara 396, Arezzo 392, Cesena 388, Ferrara 374, Forlì 366""Le città meno care sono Milano 106 euro, Campobasso 120, Catania 137, Imperia 140, Caserta 144, Varese 153, Como 158, Udine 165, Savona e Monza 168, Rieti 169. Le macroaree con la bolletta più elevate sono il centro Italia, seguita dal Nordest, segue il sud ed Isole ed il Nordovest. Si conferma la novità positiva già registrata negli anni precedenti della Tariffe Procapite "che premia con tariffe più vantaggiose le famiglie che a parità di componenti usano e consumano meno acqua in modo responsabile rispetto agli utenti spreconi e si contengono entro un consumo medio", le città che hanno fatto questa scelta sono Bologna, Modena, Carrara, Caserta, La Spezia, Massa, Rovigo, Siracusa e Terni".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Meteo

    Meteo, marzo inizia all'insegna del sole

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AvellinoToday è in caricamento