Cronaca

Incendio Urciuoli, l'Arpac è latitante: la nota del sindaco di Atripalda

Paolo Spagnuolo scrive all'Arpac per conoscere i risultati delle analisi fatte all'indomani dell'incendio Urciuoli

Resta alta l'attenzione ad Atripalda in seguito all'incendio che ha distrutto il mese scorso il centro Ecologico Urciuoli di contrada Giacchi ad Atripalda. Subito dopo il disastro erano stati avviati i dovuti rilievi da parte dell'ARPAC, ma a distanza di tempo, l'Ente ancora non ha emesso alcun verdetto.

Da qui il sindaco Paolo Spagnuolo e l'assessore Paolo Spagnuolo hanno pensato di scrivere una lettera ad Arpac ed Asl per sollecitare ad informare sui risultati delle analisi di aria, terreno ed acqua effettuati nei giorni successivi al rogo.

Di seguito la nota del sindaco di Atripalda, Paolo Spagnuolo:

"In riferimento all'incendio che si è sviluppato presso il Centro Ecologico Urciuoli di Contrada Giacchi ad Atripalda, a seguito del quale il giorno 27 luglio 2016 si è tenuto un tavolo tecnico che ha visto la partecipazione tra gli altri dei rappresentanti dell'ASL AV2 Giuseppe Conte, direttore U.O.C.T. e dei rappresentanti dell'ARPAC, dottoressa Lucia D'Arienzo e Ingegnere Carmelo Lomazzo - dobbiamo purtroppo contatare che a distanza di quasi un mese a questo Comune non è pervenuta alcuna comunicazione in merito ai risultati delle analisi si aria, terreno e acqua effettuate nei giorni successivi all'incendio.

E' superfluo evidenziare che tale situazione ha generato grande apprensionhe tra i cittadini atripaldesi, preoccupati per gli agenti inquinanti che si sono liberati nelle suddette matrici e che potrebbero rappresentare un pericolo per la salute di tutti. Pertanto si chiede agli Enti in indirizzo di comunicare a stretto giro le risultanze dei controlli prontamente effettuati".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Incendio Urciuoli, l'Arpac è latitante: la nota del sindaco di Atripalda

AvellinoToday è in caricamento