menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Assoservizi invia ingiunzioni di pagamento ma per Passaro e Maffeo sono illegittime

I legali Passaro e Maffeo, pertanto, invitano i cittadini a non pagare le illegittime ingiunzioni e a far valere i propri diritti nelle sedi competenti ricordando che gli atti notificati vanno opposti entro 60 giorni dalla loro ricezione

Da qualche giorno la società Assoservizi sta provvedendo a notificare ingiunzioni di pagamento  per tributi TARSU – ICI ed IMU asserendo di essere a tanto legittimata per aver il Tar di Salerno annullato la delibera con cui il Comune aveva revocato la concessione e ritenendo che gli avvisi di accertamento a suo tempo notificati si sarebbero consolidati.

  A tal proposito, gli avvocati Adriano Maffeo e Massimo Passaro , che hanno provveduto a difendere con successo numerosi cittadini dinanzi alla Commissione Tributaria Provinciale di Avellino, e che  hanno denunciato  la vicenda anche alla Procura della Repubblica, alla Corte dei Conti ed alla Commissione europea, precisano che  anche le ingiunzioni sono da ritenersi completamente illegittime  e, pertanto, passibili di annullamento.

  «In tutta questa vicenda –  sostiene Maffeo  – ciò che stupisce è che le ingiunzioni vengano notificate a pioggia, anche a cittadini che hanno impugnato l’avviso di accertamento e lo hanno visto annullare dalla Commissione Tributaria che ha accolto tutte le nostre eccezioni».

  «È l’ulteriore dimotrazione –  prosegue Passaro  – di come questa amministrazione non abbia a cuore le sorti della cittadinanza. Dopo essere risultato soccombente in tutti i procedimenti introdotti dinanzi alla giurisdizione Tributaria, il Comune, e con esso anche la Assoservizi, avrebbero dovuto quanto meno astenersi dal proseguire nella scellerata azione avviata lo scorso anno».

  I legali Passaro e Maffeo, pertanto, invitano i cittadini a non pagare le illegittime ingiunzioni e a far valere i propri diritti nelle sedi competenti ricordando che gli atti notificati vanno opposti entro 60 giorni dalla loro r icezione.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Disfunzioni idriche in Irpinia: l'avviso di Alto Calore

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AvellinoToday è in caricamento