menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Arrestato pericoloso pregiudicato ricercato da un anno sul territorio nazionale

Nella serata di ieri, il personale della Polizia di Stato di Avellino - sottosezione autostradale di Grottaminarda, ha assicurato alla giustizia un pericoloso pregiudicato

Nella serata di ieri, il personale della Polizia di Stato di Avellino - sottosezione autostradale di Grottaminarda, ha assicurato alla giustizia un pericoloso pregiudicato. Alle ore 16:00, infatti, gli agenti in servizio nella stazione di servizio “Calaggio Est”, sita sull’autostrada a16, nel comune di Vallata, hanno intercettato un’autovettura Volkswagen/Passat che presentava nell’occasione  vetri oscurati sia sulle fiancate posteriori che sul lunotto, nonché’ la targa posteriore illeggibile, rendendo in tal modo estremamente difficoltoso ogni tipo di verifica sia sul veicolo che sugli stessi occupanti. I poliziotti, dopo aver intimato l’alt, hanno identificato gli occupanti del veicolo che rispondevano a tre cittadini rumeni, dimoranti e residenti da anni nel territorio nazionale, ovvero nel campo nomadi sito nelle vicinanze della stazione ferroviaria di Napoli Centrale. L’approfondimento degli accertamenti chiariva che i tre cittadini rumeni, avevano numerosi precedenti di polizia giudiziaria.

In particolare S.P. di anni 22, risultava ricercato per associazione a delinquere e colpito da ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip presso il tribunale di Santa Maria Capua Vetere.

Il giovane era immediatamente dichiarato in arresto e tradotto presso la casa circondariale di Ariano Irpino. Gli altri due soggetti, precisamente, M.M. di anni 21, risultava colpito da un provvedimento di rintraccio, ai sensi dell’art. 282 c.p.p. (obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria), inserito nelle ricerche dal comando stazione carabinieri Napoli/Arenaccia, mentre il terzo occupante C.P., di anni 25, sebbene annoverava vari provvedimenti di polizia (foglio di via ed altro), non aveva alcuna pendenza con la giustizia. S.P: stava recandosi presso il porto internazionale marittimo di Bari per espatriare in Romania, avendo a quell’autorità portuale effettuato una prenotazione di imbarco telefonica. A completamento della vicenda occorre evidenziare che al citato soggetto, nel territorio italiano, era stato riconosciuto un diverso cognome, con il quale risultava titolare di regolare patente di guida, con altre iniziali, rendendo, di fatto, difficilissimo la sua compiuta identificazione.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AvellinoToday è in caricamento