menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Anziani ultraottantenni in attesa per ore al freddo, pessima gestione organizzativa delle vaccinazioni da parte dell'Asl di Avellino

Questa la nota del Segretario provinciale, Romina Iannuzzi, e aziendale, Rosapane Michele, del Nursind Avellino

ANZIANI ULTRAOTTANTENNI IN ATTESA PER ORE AL FREDDO, PESSIMA GESTIONE ORGANIZZATIVA DELLE VACCINAZIONI DA PARTE DELL'ASL DI AVELLINO: le immagini del 17 febbraio, dove nei centri vaccinali dell'alta irpinia, principalmente ad ariano e a montella, i pazienti ultraottantenni hanno atteso per ore al freddo e al gelo per eseguire la vaccinazione anticovid, sono la  rappresentazione di una palese incapacità organizzativa dei vertici dell'Azienda sanitaria locale di Avellino. Pazienti anziani con problemi fisici e di deambulazione costretti a lunghe attese senza che agli stessi gli fosse destinata una sala ambulatoriale al coperto. Desta stupore la modalità di convocazione degli utenti i quali avrebbero ricevuto un messaggio da parte dell'Asl in tarda notte con neanche 24 ore di preavviso. Nonostante gli orari delle convocazioni risultassero scaglionati, ciò non ha evitato gli assembramenti nei vari centri vaccinali con alcuni utenti che addirittura avrebbero scelto di attendere il loro turno nella propria auto. Si resta inoltre stupiti dalle immagini che i notiziari hanno pubblicato dove addirittura non è stato previsto un accesso separato tra i pazienti in entrata e in uscita nel centro vaccinale di ariano irpino. La stessa ASL che è in netto ritardo nella programmazione delle vaccinazioni nel capoluogo irpino dove si attende ancora dove e come vaccinare i cittadini ultraottantenni di Avellino. Nonostante i fondi regionali e nazionali a disposizione, l'ASL di Avellino non ha ancora provveduto ad assumere il personale infermieristico previsto. Chiediamo chiarimenti in merito a queste criticità organizzative che si stanno riscontrando a danno dell'utenza di questa provincia, pretendiamo un inversione di rotta poiché è prioritario vaccinare i pazienti fragili in sicurezza al fine di ridurre la mortalità e i ricoveri in previsione di un potenziale incremento dei contagi nella nostra regione.

Questa la nota del Segretario provinciale, Romina Iannuzzi, e aziendale, Rosapane Michele, del Nursind Avellino.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Zona Rossa, la precisazione della Regione Campania

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AvellinoToday è in caricamento