rotate-mobile
Mercoledì, 8 Dicembre 2021
Cronaca Caposele

Buona sanità, rischia amputazione delle gambe: salvata dai medici

Sono passati due anni da quando Amelia Coppola, 60 anni, residente nell’Avellinese, fu investita da un’auto che le provocò lo schiacciamento delle gambe

Investita da un’auto, rischia l’amputazione delle gambe: donna salvata dai medici del “San Francesco”. La buona sanità è di casa all’ospedale di Oliveto Citra, dove l’équipe medica diretta dall’ortopedico Emanuele Calabrese ha salvato una donna che rischiava l’amputazione delle gambe. A raccontare la storia è il quotidiano La Città di Salerno.

Sono passati due anni da quando Amelia Coppola, 60 anni, residente nell’Avellinese, fu investita da un’auto che le provocò lo schiacciamento delle gambe. Trasportata presso il pronto soccorso dell’ospedale di Oliveto, le condizioni della donna apparvero gravi sin da subito con fratture multiple e lesioni varie in tutto il corpo. Immediato l’intervento chirurgico, ma il rischio di amputazione degli arti inferiori rimase elevato poiché la sessantenne era affetta da diabete e da altre patologie. "Ho subìto quattro interventi chirurgici alle gambe, l’ultimo quattro mesi fa - racconta Amelia - il dottore Calabrese e la sua équipe mi hanno fatto sentire a casa. Ho attraversato anni difficili e sofferenti, ma i medici mi hanno salvato la vita e restituito l’utilizzo delle gambe. Sto bene, voglio ringraziarli".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Buona sanità, rischia amputazione delle gambe: salvata dai medici

AvellinoToday è in caricamento