menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Falso allarme bomba al centro per l'impiego: la telefonata fatta alla polizia

Oltre cinque anni fa il centro per l’impiego fu preso di mira: fu posta all’ingresso una lattina di plastica, con una miccia rudimentale (si trattava di alcune fettucce di straccio) e inquietanti scritte «Nitro C2o HNS Z31»

Una telefonata alla sala operativa della polizia mette in allarme tutti: c’è una bomba pronta per esplodere al centro dell’impiego di via Pescatori ad Avellino. Subito parte il piano di emergenza con l’invito telefonico ai dipendenti e ai fruitori degli uffici a lasciare subito lo stabile. Dopo pochi minuti l’arrivo della polizia che dista un chilometro dal centro. Un allarme bomba rivelatosi inesistente a seguito dell'ispezione dei locali: nessuna traccia di ordigni esplosivi.

Oltre cinque anni fa il centro per l’impiego fu preso di mira: fu posta all’ingresso una lattina di plastica, con una miccia rudimentale (si trattava di alcune fettucce di straccio) e inquietanti scritte «Nitro C2o HNS Z31» ben visibili. All’interno una piccola quantità di liquido bluastro. In quel caso si trattò di miscela per motorini, non in grado di esplodere autonomamente. Oggi come allora, un cattivo scherzo di qualcuno.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Disfunzioni idriche in Irpinia: l'avviso di Alto Calore

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AvellinoToday è in caricamento