Follia al carcere di Ariano, detenuto aggredisce agente con calci e pugni

Una violenza assurda

Ancora episodio indegno nella Casa Circondariale di Ariano Irpino, dove un detenuto ha aggredito un agente penitenziario, mandandolo in ospedale. 15 giorni di prognosi.

Questa volta non si tratta di un detenuto psichiatrico, quindi non può esserci l’attenuante dell’insanità mentale, ma di un delinquente facinoroso, restio alle regole. Non si conosce il motivo esatto del pestaggio avvenuto nella giornata di ieri, si presume che il detenuto abbia reagito con violenza alle indicazioni impartite dall’agente.

La carenza di personale, denunciata da tempo all’interno del carcere di Ariano, ha fatto sì che  il detenuto avesse a disposizione quei pochi minuti sufficienti a sferrare i colpi, prima che intervenissero altri agenti in soccorso. La situazione è drammatica. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Torna da Milano con la febbre altissima, trasportato al Moscati

  • Coronavirus, ecco il tragitto del giovane tornato da Codogno: "E' tornato in auto"

  • Coronavirus, di ritorno a Montefusco da Codogno: scatta il protocollo

  • Coronavirus, due fratelli tornano a Lauro da Codogno: scatta il protocollo

  • Avellino in lutto, è morto il "vigile urbano buono"

  • Coronavirus, Lauro, il sindaco: "Hanno viaggiato in treno e poi sono andati a prenderli in auto"

Torna su
AvellinoToday è in caricamento