rotate-mobile
Domenica, 3 Luglio 2022
Cronaca Prata di Principato Ultra

Litiga con i genitori e aggredisce i carabinieri intervenuti, il 23enne lascia il carcere

Il gip, Fabrizio Ciccone ha optato per il divieto di avvicinamento e allontanamento dalla casa familiare

Il gip, Fabrizio Ciccone ha optato per il divieto di avvicinamento e allontanamento dalla casa familiare per il 23enne di Prata Principato Ultra, arrestato qualche giorno fa con l’accusa di maltrattamenti contro familiari o conviventi, lesioni e danneggiamento. Il legale del ragazzo, il penalista Claudio Frongillo del foro di Avellino, aveva sostenuto che le misure alternative potessero garantire comunque tutte le esigenze cautelari; una scelta condivisa dal gip.  

L'arresto da parte dei carabinieri

Nella giornata di ieri, i Carabinieri della Stazione di Pratola Serra hanno tratto in arresto il 22enne. I fatti si sono svolti nella notte a Prata di Principato Ultra. Al “112” giunge la segnalazione di una lite in famiglia: una pattuglia è giunta presso l’abitazione segnalata dove il giovane, in evidente stato di alterazione dovuta all’assunzione di bevande alcoliche, per futili motivi stava aggredendo i propri genitori.

Nonostante i ripetuti inviti a mantenere la calma il predetto, che già da tempo poneva in essere atti vessatori nei confronti dei familiari conviventi, anche alla presenza dei Carabinieri ha continuato ad inveire contro la madre, minacciandola e scagliandole contro un pesante centrotavola, colpendo e procurando lievi lesioni al volto del Carabiniere che le faceva da scudo.

Con non poca fatica i militari sono riusciti a bloccare l’esagitato che, in un contesto di piena sicurezza e scongiurata dunque la possibilità di gesti inconsulti, è stato condotto in Caserma. Inchiodato alle proprie responsabilità, il 22enne è stato dichiarato in arresto. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Litiga con i genitori e aggredisce i carabinieri intervenuti, il 23enne lascia il carcere

AvellinoToday è in caricamento