Domicella, catturato uno dei 100 latitanti più pericolosi

Si nascondeva in una insospettabile villetta

I carabinieri catturano uno dei 100 latitanti più pericolosi. Il camorrista si nascondeva in una insospettabile villetta in provincia di Avellino ma i carabinieri della sezione “Catturandi” del nucleo investigativo di Napoli lo hanno individuato e catturato.
È Guglielmo Cirillo, un 28enne di Marano di Napoli, ritenuto affiliato al clan camorristico dei “Polverino” operante nella gestione di affari illeciti in Italia e all’estero.

Era latitante dal 4 giugno 2013, esattamente da 5 anni, per sfuggire a 2 o.c.c.c. entrambe per associazione di tipo mafioso e traffico di stupefacente.
Si occupava infatti, per conto del clan, dell’importazione di hashish dalla Spagna e dal Marocco: contrattava i prezzi e gestiva l’ingresso in italia delle partite.

La prima occc che pendeva su di lui fu emessa il 4 giugno 2013 dal g.i.p. di Napoli e vedeva Cirillo indagato insieme ad altri 16 soggetti; gli sviluppi della stessa indagine portarono poi all’emissione della seconda ordinanza, che tra gli indagati vedeva il nome dell’arrestato e altri 54 personaggi.
Oggi, al giovane latitante, sono state notificate entrambe.

Quando i carabinieri hanno fatto irruzione nell’appartamento per catturarlo, Cirillo stava pranzando (con riso e fagioli) e non ha accennato resistenza.
Durante la perquisizione nel nascondiglio è stato scoperto un angolo boxe con sacco e guantoni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Perturbazione nevosa in Irpinia: ecco tutti i comuni che scelgono di chiudere le scuole

  • In Campania arriva Burian: ondata di gelo e temperature polari

  • Spostamenti per andare dai congiunti e ospiti a casa: cosa succede dal 16 gennaio

  • Il pizzaiolo Maglione aderisce alla manifestazione pacifica #Ioapro: "Lavorare è un diritto"

  • Nuovo Dpcm: sei regioni in zona gialla, due rossa e il resto in arancione

  • Rientro a scuola, il dottor Iuzzolino scrive alle istituzioni: "Sarete responsabili di eventuali danni"

Torna su
AvellinoToday è in caricamento