rotate-mobile
Lunedì, 28 Novembre 2022
Sapore d'Irpinia

Sapore d'Irpinia

A cura di Rosa Iandiorio

L’Irpinia è una terra di sapori autentici, custode antica di vini pregiati e specialità gastronomiche ricche di gusto. Un luogo incantevole dove sedersi in silenzio per ammirare la sua anima più vera. L'anima di una terra dove per secoli la natura ha scandito i ritmi del tempo, lasciandoci in eredità un patrimonio agroalimentare immenso. È tempo di partire buongustai per riscoprire insieme questo ‘Sapore d'Irpinia’

Sapore d'Irpinia Tufo

Il vino che verrà: Alessandra Quarta nella 40 under forty – Wine Industry

Alessandra, insieme al padre, conduce Cantine San Paolo a Tufo. È stata inserita dal magazine Fortune Italia tra i 40 giovani protagonisti del vino italiano

Un mosaico formidabile di storie quello stilato dal magazine fortune Italia per la "40 under forty – Wine Industry". Storie di coraggio, perseveranza, identità, orgoglio, passione, innovazione e visione imprenditoriale. Valori e caratteri guida per scegliere i 40 giovani under forty protagonisti del vino italiano. 

Volti che insieme compongono una fotografia fresca e perfettamente a fuoco del settore e che permette di affermare che "Il futuro del vino italiano è in ottime mani".

Tra i giovani selezionati anche la brand ambassador di Cantine San Paolo, a Tufo. Si tratta di Alessandra Quarta, pugliese che in Irpinia ha abbracciato la fede per il Greco di Tufo. 

Cantine San Paolo è un'azienda progettata su tre livelli scavati sul pendio della collina per essere completamente integrata con il meraviglioso paesaggio irpino. Dalla sua terrazza si gode di una magnifica vista sulla Valle del Sabato: un susseguirsi di vigneti dove sono allevate le uve a bacca bianca da cui si produce il Greco di Tufo Docg, che insieme al Fiano di Avellino Docg e al pregiato Aglianico da cui nasce il Taurasi Docg, costituiscono l’essenza dell’Irpinia enologica. Una Cantina perfettamente sostenibile grazie anche ad un impianto fotovoltaico, che la rende energeticamente autonoma, all’isolamento termico che minimizza il consumo energetico. È modernamente attrezzata con piccole e medie cisterne integralmente coibentate che consentono la vinificazione separata di ogni appezzamento. 

Insieme al padre Alessandra Quarta, conduce le attività vitivinicole in Puglia e in Campania riuscendo a coniugare con professionalità identità e innovazione.

Di lei Fortune Italia scrive:

Sembra che dal padre Claudio – ricercatore e manager nel campo delle biotecnologie che nel 2005 ha scelto la vita in vigna – Alessandra Quarta abbia ereditato tanto l’amore per lo studio e la formazione quanto la passione per i vini del Sud. Cresciuta a Como e formatasi tra Philadelphia e Buenos Aires, termina gli studi in Bocconi e immagina per sé una carriera nel settore della cooperazione internazionale e dello sviluppo. Senza però fare i conti con il fascino della Puglia in estate e le gratificazioni profonde che il lavoro in cantina, prima o poi, restituisce. A 24 anni sceglie infatti di entrare nella gestione delle tre tenute di famiglia: Cantina Sanpaolo, Tenute Eméra e Cantina Moros, dislocate tra Campania e Puglia. Osserva e approfondisce ogni fase del ciclo produttivo per poi ideare da sé un vino che concilia l’espressione del territorio – quello di Marina di Lizzano, a breve distanza da Taranto – con i principi della sostenibilità e attenzione al sociale. Acquistando il suo Qu.Ale Salento Rosso Igp si contribuisce infatti a preservare l’area naturale della Salina dei Monaci a Manduria e alcune altre Onlus alle quali è devoluta parte dei ricavi.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il vino che verrà: Alessandra Quarta nella 40 under forty – Wine Industry

AvellinoToday è in caricamento