menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

I taralli di Pasqua, la ricetta dello chef Antonio Natale

Vengono consumati nei giorni di Pasqua e sono considerati di buon auspicio

Vengono preparati in tutta l'Irpinia e sono realizzati con ingredienti semplici ed economici. I taralli di Pasqua sono una tradizione tipica delle nostre zone, una ricetta che ha un legame profondo con la memoria rurale, gli usi e i costumi delle nostre nonne. 

Ancora oggi queste profumate ciambelle vengono confezionate in buste trasparenti, o in scatole, avvolti da tulle, nastri e fiori colorati per essere poi regalate come buon augurio a parenti e amici. 

La tradizione 

Tradizionalmente i taralli venivano serviti nei giorni di Pasqua come fine pasto, ma sono ideali in ogni momento della giornata. Perfetti anche per accompagnare un tagliere di salumi e un buon bicchiere di vino. 

Sono tanti gli chef che in questi giorni, complice l'isolamento da Covid-19 si stanno dedicando alla preparazione di questa antica ricetta irpina. Uno di questi è lo chef del Pater Familias, Antonio Natale che nella sua amata Nusco preserva e tutela un rito a cui è particolarmente legato. Insieme a sua moglie e al suo bambino dà voce ai ricordi d'infanzia quando con sua nonna si divertiva a impastare acqua, farina e uova per dar vita ad un prodotto sano, gustoso e di buon auspicio. 

La ricetta dei taralli di Antonio Natale 

Ingredienti 

  • 2 kg di farina preferibilmente Senatore Cappelli
  • 20 uova
  • 150 gr olio extra vergine di oliva
  • 15 gr di sale
  • 80 gr di liquore anice (Varnelli)
  • Semi di finocchietto selvatico
  • Pepe nero macinato 

Procedimento 

Battere le uova aggiungere la metà dell' olio in un contenitore.

Su una spianatoia mettere la farina a fontana, aggiungere le uova battute e iniziare ad impastare. 

Aggiungere l' anice il finocchietto e poco alla volta l' olio rimanente, infine il sale.

Lavorare l'impasto per 15-20 minuti.

Far riposare coperto con un canovaccio per 2 ore. 

Stendere i taralli e dargli la forma a ciambella, chiuderli e farli riposare per 2 ore.

Bollite i taralli uno ad uno in una pentola con acqua bollente, un filo di olio e dei semi di finocchio fino a quando non salgono a galla, asciugarli su un canovaccio e cuocerli possibilmente nel forno a legna ad una temperatura superiore ai 200 gradi per 15, 20 minuti.

Nel forno elettrico la ricetta è la stessa, basta infornare su una teglia con carta da forno a 220 gradi forno statico per 15 minuti e poi farli asciugare a forno ventilato a 160 gradi per altri 15 20 minuti. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Vaccini Covid, si aprono le prenotazioni per gli over 60

Attualità

Psicosi Astrazeneca, in Campania uno su tre rinuncia

Attualità

Ciclo vaccinale completo: la Campania ultima regione d'Italia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AvellinoToday è in caricamento