rotate-mobile
Giovedì, 19 Maggio 2022
Sapore d'Irpinia

Opinioni

Sapore d'Irpinia

A cura di Rosa Iandiorio

L’Irpinia è una terra di sapori autentici, custode antica di vini pregiati e specialità gastronomiche ricche di gusto. Un luogo incantevole dove sedersi in silenzio per ammirare la sua anima più vera. L'anima di una terra dove per secoli la natura ha scandito i ritmi del tempo, lasciandoci in eredità un patrimonio agroalimentare immenso. È tempo di partire buongustai per riscoprire insieme questo ‘Sapore d'Irpinia’

Sapore d'Irpinia Solofra

Taglieri, vini e cucina: da Sandro le esplorazioni gourmet di Rocco D'Angelo

Un nuovo indirizzo a Solofra per gustare delle interessanti 'chicche' gastronomiche esaltate da un calice di vino

Da Sandro è un piccolo ritrovo che vuole raccontare le eccellenze italiane di mare e di terra. Una proposta ricercata, ma informale e giovanile dove taglieri, antipasti e vini sono i veri protagonisti. 

La voce narrante è Rocco D'Angelo, chef e titolare che si divide tra sala e cucina aiutato dalla compagna Valentina. 

IMG-20220226-WA0020-2

Rocco, nonostante la giovane età, ha un bel curriculum e una buona conoscenza del prodotto e della sua manipolazione. Dopo la scuola Alberghiera, D'Angelo ha studiato all'Alma, la scuola fondata da Gualtiero Marchesi e, a seguito dell'esame finale, ha cercato di approfondire il suo profilo culinario prima a Dublino, in un ristorante due stelle Michelin, e poi a Milano da Berton. Tornato in Irpinia ha lavorato nella brigata di Mirko Balzano da Triglia e in alcuni ristoranti della provincia. Ma la voglia di esprimersi in un progetto più personale ha maturato in lui la volontà di dare una svolta alla vecchia pizzeria di famiglia. 

IMG_20220226_175733-2

Nasce così da Sandro Pizza e Cucina, da un lato la pizzeria d'asporto del papà e dall'altra la sala ristorante. Pochi coperti e cucina a vista per permettere allo chef di interagire con i suoi ospiti. Il menu è costruito sui viaggi e le passioni di Rocco e a valorizzare ogni piatto c'è sempre il vino. 

"Parto sempre dal territorio, ma non ho voluto farmi assorbire completamente da esso - dice D'Angelo - L'Italia è un paese ricco di biodiversità e il mio obiettivo è portare in tavola delle 'chicche', non semplici prodotti, ma delle esplorazioni gastronomiche fatte di saperi e sapori". 

E infatti il dialogo in cucina è costantemente teso tra terra e mare, non solo nei piatti, ma anche nei taglieri.

IMG_20220226_175935-2

Confettura e frutta fresca esaltano il sapore di salumi preziosi e formaggi opulenti. Presidi del gusto che ripercorrono la via lattea del rinomato produttore Beppino Occelli ed esplorano le terre Iberiche attraverso uno chorizo Cullar Bellota di Casalba, lo Jamon Serrano riserva 14 mesi Los Berones di Alejandro Miguel e il Lardo di Patanegra del salumificio il Grifone. Vere e proprie delizie al taglio affiancate dai salumi ittici di Marificio, salumi ischitani che hanno come materia prima non la carne bensì il pescato. 

A completare il quadro i crudi, molto apprezzato il Gambero Rosso di Mazara del Vallo con passion fruit e le ostriche francesi, ma le sorprese possono variare a seconda della stagione e dell'estro del titolare. 

IMG-20220226-WA0023-2

"Il lunedì e il martedì giorni di chiusura parto alla ricerca di novità - dice il cuoco - Per questo da Sandro sarà sempre in continua evoluzione. Per scelta ho creato un menu con pochi piatti a cui aggiungo qualcosa in base al pescato del giorno e alla stagionalità dei prodotti. Lo stesso discorso vale per il vino. Mi piace conoscere realtà nuove: dall'Irpinia, alla Francia, passando per la Toscana provo a dare forma ad una carta varia e alternativa alle solite proposte". 

IMG-20220226-WA0027-2

Da Sandro vuole ricreare una situazione leggera e conviviale mettendo sempre al centro il cliente e il gusto. Si può trascorrere una serata semplicemente condividendo un nettare e un tagliere oppure si può optare per qualcosa di più impegnativo e scegliere di mangiare primi e secondi.

IMG-20220226-WA0025-2

Tra i più richiesti gli Spaghettoni Pastificio Graziano con Gamberi crudi e burrata Caseificio Principato, o ad esempio gli gnocchi di patate con speck e tartufo di Bagnoli.

IMG-20220226-WA0024-2

Tra i secondi, invece, spiccano il maialino cotto a bassa temperatura con mela annurca e senape oppure il filetto di orata con lamelle di tartufo. 

Infine i dolci, nonché la specialità dello chef. "Ho iniziato a cucinare insieme a mia nonna preparando dolci - sorride Rocco - e ci tengo che siano i miei". E fa bene perché da Rocco concludere la serata con un tiramisù e un buon passito è davvero un'ottima idea. 

IMG-20220226-WA0026-2

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Taglieri, vini e cucina: da Sandro le esplorazioni gourmet di Rocco D'Angelo

AvellinoToday è in caricamento