Sabato, 31 Luglio 2021
Sapore d'Irpinia

Opinioni

Sapore d'Irpinia

A cura di Rosa Iandiorio

L’Irpinia è una terra di sapori autentici, custode antica di vini pregiati e specialità gastronomiche ricche di gusto. Un luogo incantevole dove sedersi in silenzio per ammirare la sua anima più vera. L'anima di una terra dove per secoli la natura ha scandito i ritmi del tempo, lasciandoci in eredità un patrimonio agroalimentare immenso. È tempo di partire buongustai per riscoprire insieme questo ‘Sapore d'Irpinia’

Sapore d'Irpinia

La Ramata di Montoro prima cipolla ad essere certificata blockchain

Progetto innovativo dell’azienda GB Agricola in collaborazione con Authentico

Per proteggere la Cipolla ramata di Montoro dalle imitazioni e contraffazioni e tutelare i consumatori offrendo la massima trasparenza l’azienda GB Agricola di Montoro (AV) tra i fondatori del Comitato Promotore della Cipolla Ramata di Montoro ha adottato la tracciabilità di filiera certificata in blockchain della startup Authentico.

La cipolla ramata di Montoro, Prodotto Agroalimentare Tradizionale campano (PAT), è una varietà autoctona che cresce nel territorio della valle dell’Irno, incentrata nel comune di Montoro (AV), un’eccellenza che rischia di scomparire per colpa dell’industrializzazione dell’agricoltura e per l’importazione di prodotti a basso prezzo dall’estero. Un vero e proprio super food: è considerato un alimento nutraceutico, grazie alle proprietà diuretica, depurativa, antiglicemica, antibatterica e antibiotica. Fa bene alle vie respiratorie, all’apparato gastro-intestinale ed urinario, combatte l’influenza, le riniti, l’angina, l’ipertensione, la senescenza, l’arteriosclerosi. Riduce il colesterolo, i trigliceridi, i lipidi e aumenta le difese immunitarie. Il progetto è stato presentato a Montoro, nell’ambito del convegno “La tracciabilità di filiera della cipolla ramata di Montoro”, intervenuti giornalisti, buyer della GDO, autorità locali e della comunità scientifica. Il Comitato promotore della “Cipolla Ramata di Montoro” denuncia da tempo la presenza e la vendita sul mercato di cipolle rosse e dorate spacciate per Cipolla Ramata di Montoro e un abuso del marchio collettivo da parte di soggetti che coltivano al di fuori del territorio di origine e in altre regioni oppure commercializzano prodotti senza aver ottenuto la registrazione all’utilizzo del marchio collettivo geografico che ha lo scopo di garantire l'origine e la qualità dei prodotti. Questo fenomeno si traduce in una pratica commerciale scorretta per i veri produttori e in una pratica ingannevole nei confronti dei consumatori in quanto ingenera confusione con le cipolle di diversa provenienza e qualità.

Coltivare cipolla in Campania non è mai stato semplice, non solo per la concorrenza delle cipolle importate dall’estero, principalmente Olanda e Cina, che arrivano in Italia con prezzi bassissimi, ma anche per il fenomeno della contraffazione, che a giudicare dai dati del recente report dell’Ispettorato Centrale Repressione Frodi (Icqrf) non conosce sosta anche durante la pandemia.

“Abbiamo sempre coniugato tradizione e innovazione, ma oggi facciamo un passo avanti nella direzione della trasparenza verso i consumatori e della sostenibilità della nostra agricoltura grazie alla tracciabilità di filiera sulla piattaforma blockchain di Authentico, per garantire l’autenticità del nostro prodotto e rimarcare ancora una volta che esiste una sola Ramata di Montoro. Adesso sarà più semplice scoprire le imitazioni grazie al nostro QR code che consentirà di rintracciare le cipolle dalla lavorazione sino ai campi di coltivazione.” afferma Nicola Barbato, presidente del Comitato promotore e amministratore di GB Agricola.

“Con la Cipolla ramata di Montoro, per la prima volta certifichiamo la filiera di un prodotto agricolo fresco con un doppio risultato: abbiamo verificato che i processi di filiera che progettiamo da anni si adattano facilmente a tutte le tipologie di produzione agroalimentare e nel contempo abbiamo dimostrato sul campo che la nostra soluzione di tracciabilità di filiera in blockchain è semplice, flessibile ed economica, e quindi è adatta anche alle piccole aziende agricole.” aggiunge il CEO di Authentico Giuseppe Coletti.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Ramata di Montoro prima cipolla ad essere certificata blockchain

AvellinoToday è in caricamento