menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Nasce Casa Irpinia: online menu e dining bond per promuovere ristoranti e territorio

Da oggi online il primo tool di promozione territoriale di Casa Irpinia

L’Irpinia non sarebbe tale senza il lavoro delle persone che ogni giorno la curano, la coltivano, la lavorano ricavandone quelle gemme meravigliose che vanno a comporre la nostra - troppo spesso sconosciuta - cultura eno-gastronomica. L’Irpinia non sarebbe tale senza le botteghe di artigiani del cibo che ne compongono il tessuto economico, esaltando i sapori e gli odori di quel che il lavoro e la natura hanno fatto germogliare sulle nostre alture e valli.

Da oggi è online su casaIrpinia.com, in maniera del tutto gratuita, uno strumento di promozione per tutto il settore della ristorazione Irpinia. Sarà possibile infatti proporre speciali menù o esperienze da gustare e vivere all’interno dei propri locali che verranno raccolti e promossi all’interno della vetrina costruita dal team di Casa Irpinia e dai suoi esperti comunicatori. 

“Siamo convinti che nessun futuro è possibile per questa terra se oggi non si aiutano a riaprire e a sostenersi tutti quei ristoratori che nonostante tutto fanno conoscere la nostra terra in Italia e nel mondo” afferma Maria Luisa d’Urso, l’ispiratrice di Irpinia Wine Trails e colonna portante del progetto Casa Irpinia “Il nostro è un servizio totalmente gratuito che permetterà ai ristoratori di incassare da subito liquidità e dotarsi di un nuovo canale di vendita per il loro business.”

Il meccanismo è semplice: bisogna solamente creare un account paypal.me e pensare a quale possibile offerta esclusiva segnalare. Poi basta seguire l’ intuitiva procedura di iscrizione presente sul sito e il gioco è fatto. I clienti potranno visionare le offerte sul sito di Casa Irpinia e sui suoi canali social ed acquistarli pagando direttamente il ristoratore e mettendosi poi in contatto per prenotare il giorno e l’orario in cui godersi la propria esperienza culinaria.

“Hanno già aderito realtà storiche come I Santi e la Locanda la Molara, ma anche nuove interessantissime realtà di prossima apertura come Tratturi-transumanze gastronomiche.” ci racconta Stefano Iannillo.

“Dopo il lockdown il nostro bisogno era quello di renderci utili al territorio e alla sua economia: offriamo a tutti la possibilità di creare nuovo valore per la propria attività a partire dall’offerta di esperienze uniche da pubblicizzare sul nostro portale. La nostra è un’ottica di promozione territoriale ed economia circolare, in cui il principio guida è quello della collaborazione al posto dell’egoismo imperante. Non ci si salva da soli.”

Non semplicemente un Dining Bond ma una vera e propria vetrina collettiva in cui mettere in mostra la ristorazione Irpinia e le sue creazioni, avvicinarla a potenziali clienti aprendo nuove possibilità di introiti in un momento difficile. 

“Dopo i webinar dedicati al futuro dell’Irpinia abbiamo deciso di presentarci al pubblico con questo strumento noprofit per costruire reti collaborative” conclude Alessandro Graziano tra gli ispiratori del progetto. “Casa Irpinia nelle prossime settimane continuerà ad individuare strumenti e azioni in grado di sostenere ed innovare l’Irpinia: quella che ci proponiamo è una vera e propria Rural Revolution.”

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AvellinoToday è in caricamento