rotate-mobile
Sapore d'Irpinia

Sapore d'Irpinia

A cura di Rosa Iandiorio

L’Irpinia è una terra di sapori autentici, custode antica di vini pregiati e specialità gastronomiche ricche di gusto. Un luogo incantevole dove sedersi in silenzio per ammirare la sua anima più vera. L'anima di una terra dove per secoli la natura ha scandito i ritmi del tempo, lasciandoci in eredità un patrimonio agroalimentare immenso. È tempo di partire buongustai per riscoprire insieme questo ‘Sapore d'Irpinia’

Sapore d'Irpinia

I migliori ristoranti d'Irpinia: la classifica dell'Espresso

Oasis, Marennà, Megaron e il Vecchio Mulino: sono queste alcune delle punte di diamante della ristorazione italiana secondo la Guida

Presentata a Firenze la Guida ai ristoranti dell'Espresso. In occasione della quarantunesima pubblicazione nella storia di questa prestigiosa guida tornano ad essere consigliate le punte di diamante della ristorazione italiana, ognuna contrassegnata dall'oramai famosa legenda dei cappelli. Come ogni anno, infatti, i riconoscimenti sono suddivisi con il simbolo del cappello da chef: 1 cappello significa una buona cucina, 2 cappelli una cucina di qualità e di ricerca, 3 cappelli una cucina ottima, 4 cappelli una cucina eccellente, e i 5 cappelli, com'è ovvio, il meglio in assoluto. 

A fregiarsi dei due cappelli in Irpinia sono stati due ristoranti super affermati sul panorama gastronomico nazionale, ovvero l'Oasis Sapori Antichi di Vallesaccarda e il Ristorante Marennà di proprietà dei Feudi di San Gregorio. A entrare nella guida anche la celebre chef Valentina Martone al timone del Megaron di Paternopoli e Daniele del Polito, titolare de Il Vecchio Mulino a Castelfranci. Parliamo di 4 realtà consolidate che non hanno bisogno di cappelli per  apprezzarne le doti e le qualità impeccabili di una filosofia  che ben riflette la genuinità del territorio che rappresentano.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I migliori ristoranti d'Irpinia: la classifica dell'Espresso

AvellinoToday è in caricamento