menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Raffaele Vignola nella top ten dei migliori panettoni d'Italia

Il panettone della pasticceria Vignola sfiora il podio della classifica Dissapore e entra nelle prime dieci posizioni del concorso GazzaGolosa

Non è piú una sorpresa il pasticcere di Solofra Raffaele Vignola che si conferma anche quest'anno una stella nel firmamento dei lievitati.
Il giovane cuoco, fiero delle sue origini irpine, da sempre promuove un panettone creativo e originale utilizzando le migliori materie prime del territorio. Famoso il suo Panolio all'olio Ravece di Fontana Madonna premiato nel 2016 da Dissapore come il panettone più innovativo d'Italia. Ma Raffaele è ormai noto anche alle cronache di GazzaGolosa che da cinque anni organizza il premio panettone dell'anno.
In questa edizione Vignola, per la terza volta consecutiva ha convinto i giudici arrivando tra le prime dieci posizioni. Purtroppo un errore, dovuto alla incredibile mole di lavoro di questi mesi, gli è costato caro, ma ciò non toglie che è stato l'unico pasticcere in Irpinia a classificarsi nella top ten con una versione classica del panettone.
“Da un lato sono felice di aver comunque portato in alto la bandiera della pasticceria irpina, dall'altra mi dispiace aver involontariamente sbagliato la dose della vaniglia – mi dice Vignola - Gli errori si pagano, l'anno prossimo non saranno concessi sbagli. Sono comunque contento di essere l’unico irpino ad essere entrato in classifica. È una competizione difficile – aggiunge – Non è semplice gareggiare con chi il panettone c'è l'ha inscritto nella propria tradizione. Non è un caso che quest'anno il podio è tornato a Milano con Roberto Bonanomi’.

Raffaele Vignola è un grande professionista della pasticceria, chi partecipa a GazzaGolosa compete con nomi come De Riso, Pepe, Tiri, ovvero un gruppo ristretto di artigiani in grado di produrre i migliori panettoni al mondo.  Il suo panettone classico milanese con arance candite, cedro e uva sultanina ha solo peccato di generosità – hanno detto i giudici - ma resta sempre un pezzo da novanta. E infatti, il dolce a cupola milanese proposto dalla pasticceria solofrana ha dimostrato di essere un prodotto di massima qualità in un'altra importante manifestazione, ovvero Re Panettone dove si espone il top della cultura artigiana nazionale. I pasticcieri vengono selezionati secondo regole rigorose con una precisa sottoscrizione che impegna ad usare solo ingredienti naturali e ad evitare i semilavorati. Ebbene anche qui Raffaele ha lasciato il  segno sfiorando il podio nella classifica di Dissapore.
Tuti riconoscimenti importanti per la Pasticceria Vignola che si tramanda l'arte del buono da generazioni. Raffaele, poi con il suo estro è riuscito a dare quel tocco di innovazione che mancava. Qualità ben percepibili nella linea a base dei prodotti tipici locali in una versione inedita. La varietà è molto ricca perché lo chef solofrano ama sperimentare in nome della sua terra: avanti quindi con il Panvino al Fiano di Caggiano, il Panolio al Ravece, il panettone ai marron glacé e infine per i più golosi quello ai fichi canditi di San Mango sul Calore. Per i più tradizionali, poi, non mancano i classici come quello al cioccolato, il mandorlato, o quello alle amarene. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AvellinoToday è in caricamento