Sapore d'Irpinia

Sapore d'Irpinia

Francesco Fusco e il suo orto scalano la classifica dei migliori ristoranti in Italia

Tra i migliori ristoranti con orto Dissapore insersce il Moera ad Avella

Dissapore ha stilato la classifica dei migliori ristoranti con orto in Italia, ovvero quei locali gudati da ristoratori che come filosofia guida hanno il cm0 e la massima stagionalità dei prodotti per offrire ai clienti una cucina sana, buona, pulita e giusta.

Il magazine gastronomico, tra i più seguiti in Italia, con la consapevolezza che la tendenza che vede il cuoco alle prese con il proprio giardino di erbe aromatiche e ortaggi è sempre più diffusa, ha messo in fila, da Nord a Sud, le proposte più interessanti che meritano una tappa da parte di chi è alla ricerca di qualità, gusto e professionalità.

In questo tour gastronomico, gli esperti di Dissapore hanno inserito anche il cuoco contadino Francesco Fusco titolare del Moera ad Avella e ormai famoso per la sua cucina contadina in un'ottica contemporanea. Celebre il suo pesto all'aglio orsino divenuto un prodotto di nicchia e molto ricercato. Un ingrediente speciale che prende il nome dagli orsi che lo utilizzano per depurare l’organismo dopo il lungo sonno invernale.  Una leccornia unica da utilizzare per diverse preparazioni e acquistabile nelle migliori boutique di food.

State pur certi che al Moera la filiera è controllata: le uova, non più di 25 o 30 al giorno, sono delle galline livornesi che razzolano felici tra i campi di Avella, l’aglio orsino è quello raccolto nei boschi sui Monti del Partenio e gli ortaggi, i legumi e la frutta, dagli spinaci ai fagioli zolfini, dalle melanzane, alle nocciole e alle zucchine, sono dell’orto di famiglia. E quel poco che non può essere prodotto in casa, come il pesce o la carne, proviene da fornitori amici, animati dagli stessi principi della famiglia Fusco. 

Ecco cosa dice del suo ristorante la guida di Dissapore:

A circa un’ora d’auto da Napoli, tra i noccioleti di Avella, ecco il Moera: un casale ristrutturato che deve il suo inserimento in questa lista a Francesco Fusco, agricoltore, allevatore e cuoco. Autodidatta, ha portato i prodotti che cura personalmente tra orto e frutteto, nei piatti seguendo disponibilità e stagioni. Innamorato della sua terra, il suo lavoro punta anche al recupero di varietà perdute, tipo l’albicocca “Lisandrina”. In carta ci sono quasi sempre i Fagioli zolfini cotti nel pignatiello, il Risotto con le nocciole con il pesto a base di foglie di aglio orsino.

Potrebbe interessarti

  • Piano Antismog, ecco quando tornerà in vigore ad Avellino e negli altri Comuni

  • Saldi estivi: le date in Campania

  • Liceo Mancini, il grido dei genitori, dei docenti e degli studenti: "Il prossimo anno vogliamo una sede"

  • Avellino Pride, nonna Eleonora: "Sono orgogliosa di mio nipote che ama un uomo"

I più letti della settimana

  • Ragazza di appena 28 anni si toglie la vita

  • Maxi operazione dei Nas: chiusi tre ristoranti, una casa di riposo, un asilo e un canile

  • Tragedia in un fondo agricolo, uomo muore schiacciato dal suo trattore

  • Il pane di Sant'Antonio e il miracolo di Tommasino

  • Un immenso fiume di droga tra Napoli e Avellino, sgominata piazza di spaccio

  • Ormai non ci sono più dubbi, Gianluca Festa è il nuovo sindaco di Avellino 

Torna su
AvellinoToday è in caricamento