Lunedì, 25 Ottobre 2021
Sapore d'Irpinia

Opinioni

Sapore d'Irpinia

A cura di Rosa Iandiorio

L’Irpinia è una terra di sapori autentici, custode antica di vini pregiati e specialità gastronomiche ricche di gusto. Un luogo incantevole dove sedersi in silenzio per ammirare la sua anima più vera. L'anima di una terra dove per secoli la natura ha scandito i ritmi del tempo, lasciandoci in eredità un patrimonio agroalimentare immenso. È tempo di partire buongustai per riscoprire insieme questo ‘Sapore d'Irpinia’

Sapore d'Irpinia

Guida Essenziale ai Vini D’Italia 2022, il Greco di Tufo Vittorio Di Meo 2008 è il vino dell'anno

Premio speciale all'azienda di Salza Irpina nell'ambito della presentazione della Guida di DoctorWine di Daniele Cernilli

Premio speciale al Greco di Tufo Vittorio 2008 dell'azienda Di Meo. Il prestigioso riconoscimento è stato assegnato durante la cerimonia che si è svolta nel weekend all’Hotel Principe di Savoia di Milano. A consegnare il premio al patron Roberto Di Meo è stato Daniele Cernilli, il Doctor Wine ideatore della Guida essenziale dei vini d’Italia 2022. 

"Per il Vino Bianco dell’Anno abbiamo un ex aequo tra due grandi campioni di longevità - ha detto Cernilli - sono infatti entrambi vendemmia 2008, a sottolineare come spesso sia immotivata (e persino dannosa) la corsa all’ultima vendemmia. La complessità che deriva da lunghi affinamenti in bottiglia si ritrova tutta nel bicchiere. Stiamo parlando dell’Alto Adige Terlano Rarity 2008 Cantina Terlano e del Greco di Tufo Vittorio 2008 Di Meo, tipologie totalmente diverse, vitigni diversissimi, una visione condivisa". 

Il Greco di Tufo di Meo è un bianco che ha una tensione gustativa ricca e prolungata. Sfaccettato nei profumi di frutta gialla matura mentre il sorso mostra la sostenuta acidità e la struttura integra e importante del vino, che rimane raffinato e complesso. È un Greco che non fa legno, ma è il risultato di un lunghissimo affinamento in acciaio e qualche anno di riposo in bottiglia. Un vino da bere mille volte e allo stesso tempo conservare in cantina per le continue sorprese che può rivelare. 

Di meo-4

“Un riconoscimento graditissimo - dice l'azienda - perché dà valore a vini eccezionali, ovvero ad un’enologia visionaria e intraprendente, e perché condiviso con Cantina Terlano, un’azienda che stimiamo moltissimo". 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Guida Essenziale ai Vini D’Italia 2022, il Greco di Tufo Vittorio Di Meo 2008 è il vino dell'anno

AvellinoToday è in caricamento