rotate-mobile
Domenica, 22 Maggio 2022
Sapore d'Irpinia

Opinioni

Sapore d'Irpinia

A cura di Rosa Iandiorio

L’Irpinia è una terra di sapori autentici, custode antica di vini pregiati e specialità gastronomiche ricche di gusto. Un luogo incantevole dove sedersi in silenzio per ammirare la sua anima più vera. L'anima di una terra dove per secoli la natura ha scandito i ritmi del tempo, lasciandoci in eredità un patrimonio agroalimentare immenso. È tempo di partire buongustai per riscoprire insieme questo ‘Sapore d'Irpinia’

Sapore d'Irpinia

Crocchè di patate con caciocavallo e soppressata: la ricetta

Un goloso simbolo dello street food arricchito da ingredienti irpini come il caciocavallo di Calitri e la soppressata

È uno dei piatti più sfiziosi e gustosi della cucina Street food. I crocchè di patate sono un semplice impasto a base di patate lesse che unite ad ingredienti ultra calorici come scamorza, salame e formaggio danno vita ad un piatto succulento da mangiare in strada per soddisfare le tentazioni o da preparare a casa con i propri bambini.

La storia 

C'è chi sostiene che i crocchè abbiano un'origine francese, come può far intuire il nome: deriverebbero dalle 'croquettes' di patate della Francia angioina dell’XVIII secolo, un piatto molto apprezzato dal re e dalla sua corte. Le prime ricette scritte risalirebbero, infatti, a un trattato del 1798, “Il Trattato delle patate ad uso di cibo” di Antoine Augusten Parmentier, nutrizionista alla corte del re Luigi XVI, in cui si valorizza l’uso del tubero, allora considerato un cibo estremamente povero. A confermare questa tesi ci sarebbero altre ricette d’oltralpe lasciate in eredità dagli Angoini alla cucina campana: tra queste ricordiamo il gateau di patate francese, da cui deriva il gattò di patate.

Ecco la ricetta dei crocchè di patate 

Ingredienti

  • 1 kg di patate di Montoro 
  • 3 uova
  • 40 gr di parmigiano
  • 40 gr di caciocavallo di Calitri non stagionato
  • 200 gr di scamorza 
  • 150 gr di soppressata tagliata a piccoli tocchetti 
  • 2 albumi
  • prezzemolo
  • sale
  • pepe
  • pangrattato
  • olio di semi

Procedimento

Lavate le patate e cuocetele in una pentola con abbondante acqua per 20/30 minuti dall’inizio dell’ebollizione. Tagliate a dadini la scamorza. Scolate le patate, pelatele e passatele nello schiaccia patate raccogliendo la purea in una ciotola capiente. Aggiungete alla purea le uova, il parmigiano, il caciocavallo, la soppressata, il sale, il pepe e il prezzemolo tritato. Impastate bene e amalgamate il tutto formando un impasto sodo. Inumidite le mani, prendete una cucchiaiata di impasto e ponetevi al centro qualche dadino di scamorza. Richiudete l’impasto formando dei cilindretti che andrete a disporre su un piatto da portata. Passate i crocchè di patate prima nell’albume e poi nel pangrattato, e riponeteli in frigo per un’oretta. Scaldare l'olio in un 'ampia padella e friggete i crocchè di patate finchè la panatura non sarà bella dorata. Sollevate i crocchè con una schiumarola e adagiateli su un piatto con carta assorbente. Servite i crocchè di patate caldi.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Crocchè di patate con caciocavallo e soppressata: la ricetta

AvellinoToday è in caricamento