Sapore d'Irpinia

Opinioni

Sapore d'Irpinia

A cura di Rosa Iandiorio

L’Irpinia è una terra di sapori autentici, custode antica di vini pregiati e specialità gastronomiche ricche di gusto. Un luogo incantevole dove sedersi in silenzio per ammirare la sua anima più vera. L'anima di una terra dove per secoli la natura ha scandito i ritmi del tempo, lasciandoci in eredità un patrimonio agroalimentare immenso. È tempo di partire buongustai per riscoprire insieme questo ‘Sapore d'Irpinia’

Sapore d'Irpinia

Lo chef stellato Antonio Pisaniello riaccende i fuochi di Piku

Inaugurato all'indomani del lockdown, riapre nel weekend, a pranzo, il ristorante serinese della famiglia Arcopagita

Una bella novità nel cuore della campagna serinese. Riapre da questo weekend, a pranzo, Piku. Il ristorante agriturismo, nato all'indomani del lockdown, riaccende i fuochi dopo una stagione estiva di grande successo, grazie alla quale è riuscito ad entrare da subito nel cuore di una platea esigente alla ricerca di sensazioni autentiche e piatti suggestivi. 

Merito della famiglia Arcopagita che ha creato un ambiente familiare, rustico e chic recuperando una vecchia struttura abbandonata circondata dal verde, alberi da frutto, un orto e il calore degli animali.

Piku-2

L'obiettivo è rappresentare la cultura alimentare irpina con una cucina che si sviluppa in simbiosi con l’identità del territorio. Per questo se in sala troviamo Carmine Arcopagita, a stupire il palato dei clienti c'è il Top Chef Antonio Pisaniello. Una garanzia, ma allo stesso tempo una sorpresa. Pisaniello - chi lo conosce lo sa - con il suo estro creativo riesce a rileggere la storia gastronomica locale in una chiave sempre inedita offrendo emozioni di testa e di gola.

Pisaniello ha infatti designato per Piku un menu che è la summa dei piatti irpini, sani, buoni, genuini, ma rivisitati con personalità. Il cuore dell'offerta è la cucina di terra: dagli antipasti di verdure, alla pasta fatta a mano, dalle zuppe contadine, ai secondi di carne, fino ai dolci, la mission è sempre quella di esaltare l'orto, la stagionalità degli ingredienti, ma soprattutto la storia di un popolo. Perché come insegna Pisaniello: il cibo è cultura, una tradizione da vivere e da gustare. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lo chef stellato Antonio Pisaniello riaccende i fuochi di Piku

AvellinoToday è in caricamento