Sabato, 31 Luglio 2021
Sapore d'Irpinia

Opinioni

Sapore d'Irpinia

A cura di Rosa Iandiorio

L’Irpinia è una terra di sapori autentici, custode antica di vini pregiati e specialità gastronomiche ricche di gusto. Un luogo incantevole dove sedersi in silenzio per ammirare la sua anima più vera. L'anima di una terra dove per secoli la natura ha scandito i ritmi del tempo, lasciandoci in eredità un patrimonio agroalimentare immenso. È tempo di partire buongustai per riscoprire insieme questo ‘Sapore d'Irpinia’

Sapore d'Irpinia

Birre d'Italia, riflettori accesi su Serrocroce: "Un grande esempio di birrificio agricolo"

Le Birre d'Italia edito da l'Espresso premia la realtà di Monteverde fondata dall'imprenditore Vito Pagnotta

È in edicola, on line e nelle librerie il volume, targato I Piaceri del Gusto e Guide de L’Espresso con Quality Beer Academy, dedicato alla cultura brassicola nazionale. 

Un volume che dà voce ai produttori, giovani imprenditori che hanno preso in mano le redini di una tradizione secolare plasmandola, il più delle volte in base al territorio di appartenenza. 

Come si evince dalla guida i mastri birrai, i maltatori, i coltivatori di luppolo e di orzo sono spesso ventenni, trentenni e quarantenni, con le tasche piene di sogni e di passione. Fortunatamente quello della birra artigianale è un comparto in piena evoluzione che può contare su artigiani capaci e appassionati. 

Tra i 300 produttori presentati e raccontati da Birre d'Italia non poteva mancare il birraio contadino Vito Pagnotta, patron di Serrocroce autore di birre opulente, forti come l'Irpinia da cui nascono. Birre di filiera quasi interamente realizzate con materie prime irpine. Vito controlla tutto il processo di vita delle birre guidato da un forte sentimento verso la sostenibilità: Serrocroce, infatti, è stata tra le prime aziende agricole in Italia a sposare un modello virtuoso di produzione per realizzare birre slow a zero impatto ambientale. Tra i suoi prodotti più significativi c’è sicuramente la Granum, pluripremiata per le sue caratteristiche pregiata: parliamo di una birra prodotta con malto e grano duro Senatore Cappelli ed è aromatizzata con coriandolo, ingredienti provenienti dalla stessa azienda di Pagnotta. Una saison profumata, con belle note speziate e una bocca di bella struttura ampia e alleggerita, proprio come chiede lo stile, da una leggera nota acidula. Un bellissimo sorso che racconta l'Irpinia, terra di cereali e di profumi conturbanti. Elementi colti a pieno dalle Guide de l'Espresso che scrive:

"Serrocroce è un grande esempio di birrificio agricolo, situato in un territorio dedito alla produzione di cereali a cavallo tra Campania, Puglia e Basilicata. Il progetto nasce nel 2011 dall'intuizione di Vito Pagnotta Serrocroce terza generazione di produttori cerealicoli e una laurea in Scienze Agrarie, che decide di convertire una parte della produzione di frumento in orzo, luppolo e spezie per la cotta di birra. Dirette e di facile beva, le birre Serrocroce si adattano alle esigenze di qualsiasi bevitore". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Birre d'Italia, riflettori accesi su Serrocroce: "Un grande esempio di birrificio agricolo"

AvellinoToday è in caricamento