rotate-mobile
Salute

Caldo record, i consigli degli specialisti per proteggere il cuore

Si raccomanda di bere molto, uscire nelle ore meno calde, evitare stress e monitorare la frequenza cardiaca e la pressione arteriosa

In questi giorni roventi di temperature elevate che superano la media stagionale, raggiungendo anche picchi di 40 gradi, accompagnate da alti tassi di umidità è opportuno mettere in pratica alcuni semplici ma efficaci accorgimenti per prevenire spiacevoli conseguenze sul nostro organismo. Ecco i consigli degli specialisti di Cardiologia dell'Ospedale Moscati di Avellino per i pazienti cardiopatici e le raccomandazioni del Ministero della Salute per tutti i cittadini, specialmente i più fragili.

I consigli degli specialisti: "Bere molto, evitare stress e uscire nelle ore meno calde"

“I pazienti cardiopatici, in particolare quelli sottoposti a procedure cardiologiche interventistiche o cardiochirurgiche devono evitare di uscire nelle ore più calde della giornata - suggerisce il dott. Brenno Fiorani, Direttore dell’Unità operativa di Cardiochirurgia, in un video divulgato dall'Ospedale Moscati di Avellino sui canali social – quindi se c'è la necessità di svolgere delle commissioni è meglio farlo di mattina presto o la sera quando le temperature sono più basse. Poi, occorre bere in abbondanza per mantenersi idratati ed evitare stress fisici e psichici”.

"Controllare la frequenza cardiaca e la pressione arteriosa"

“I segnali del nostro organismo che possono essere dei campanelli d'allarme sono una marcata astenia e sonnolenza" afferma la dott.ssa Francesca Lanni, Responsabile dell’Unità di Terapia Intensiva Cardiologica (Utic). Per tenere la situazione sotto controllo, dunque, è bene effettuare un monitoraggio della frequenza cardiaca e della pressione arteriosa. "E' molto importantemisurare frequentemente la pressione, soprattutto se si assumono farmaci ipotensivanti in modo da cogliere in tempo qualsiasi abbassamento significativo. Se si rilevano valori alterati bisogna concordare un'adeguata terapia con il proprio medico o con lo specialista nei casi più gravi. Ci si rivolge al Pronto Soccorso se si verificano situazioni molto preoccupanti come perdita di conoscenza, sintomi di particolare affaticamento, dispnea ingravescente".
 

Le dieci regole del Ministero della Salute contro il caldo 


L'ondata di caldo record sta interessando da giorni l'intera penisola italiana. Per questo, il Ministero della Salute ha diffuso delle raccomandazioni per tutti i cittadini. Regole semplici per evitare rischi sulla salute, consultabili anche sul portale istituzionale e attraverso i canali social:

  1. Evitiamo di uscire nelle ore più calde: proteggiamo soprattutto bambini, anziani e persone fragili
  2. Proteggiamoci in casa e sui luoghi di lavoro, rinfrescando gli ambienti e rinnovando l'aria, schermando le finestre con tende che blocchino il passaggio della luce, ma non quello dell'aria
  3. Beviamo almeno un litro e mezzo di acqua al giorno: bere molta acqua e mangiare frutta fresca. Limitiamo il consumo di bevande con zuccheri aggiunti, caffè e alcolici
  4. Seguiamo sempre un'alimentazione corretta: consumare frutta e verdura di stagione, moderare il consumo di piatti elaborati ricchi di grassi, ridurre i condimenti, impiegare poco sale
  5. Facciamo attenzione alla corretta conservazione degli alimenti, rispettando la catena del freddo
  6. Vestiamoci con indumenti possibilmente chiari, di fibre naturali o che garantiscano la traspirazione, indossando cappelli leggeri per proteggere la testa dal sole, occhiali con filtri UV e schermi solari prima di esporci al sole
  7. Proteggiamoci dal caldo in viaggio: se siamo in auto ricordiamoci di areare l'abitacolo, evitando ove possibile le ore più calde della giornata e tenendo sempre a portata una scorta d'acqua. Non lasciare mai neonati o animali nell'abitacolo dell'auto, neanche per brevi periodi
  8. Pratichiamo l'esercizio fisico nelle ore più fresche della giornata, se si fa attività̀ fisica, ricordiamoci di bere molti liquidi e mangiare in modo corretto
  9. Offriamo assistenza a persone a maggiore rischio (anziani che vivono da soli, persone fragili e in difficoltà etc.) e segnaliamo ai servizi socio-sanitari eventuali situazioni che necessitano di intervento
  10. Ricordiamoci sempre di proteggere anche gli animali domestici: diamogli da bere molta acqua anche quando siamo in viaggio e facciamo soste in zone ombreggiate.


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caldo record, i consigli degli specialisti per proteggere il cuore

AvellinoToday è in caricamento