menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

L'Italia torna in zona rossa: le regole da seguire il 5 e il 7 gennaio

Attività commerciali chiuse, spostamenti solo se necessari

Ultimi due giorni in zona rossa per queste vacanze di Natale. Il 5 e il 6 gennaio l'Italia ritorna in lockdown, il quale comporta una serie di regole da seguire per evitare multe. Poi dal 7 fino all'8 gennaio è stata disposta una zona gialla rafforzata che sfocerà nel colore arancione nel weekend. 

 Regole da seguire il 5 e il 6 gennaio 

  • Gli spostamenti sono consentiti solo per motivi di lavoro, di necessità e di salute e devono essere inseriti nella necessaria autocertificazione. Sarà possibile, una sola volta al giorno, spostarsi per fare visita a parenti o amici, anche verso altri Comuni, ma sempre e solo all’interno della stessa Regione e nel limite massimo di due persone.
  • La persona o le due persone che si spostano potranno comunque portare con sé i figli minori di 14 anni (o altri minori di 14 anni sui quali le stesse persone esercitino la potestà genitoriale) e le persone disabili o non autosufficienti che con loro convivono. Si può andare ad assistere un parente o un amico non autosufficienti.
  • L’autocertificazione deve essere portata sempre con sé per spostamenti e visite ai congiunti.
  • Vietati spostamenti tra Regioni
  • Il rientro alla propria residenza, domicilio o abitazione è sempre un motivo legittimo di spostamento. Vietati tutti gli spostamenti, anche per far visita ad amici o parenti, che comportino l’uscita dalla Regione in cui si vive o in cui si ha la residenza.
  • Ristoranti e le altre attività di ristorazione, compresi bar, pasticcerie e gelaterie, sono aperti esclusivamente per la vendita da asporto e per la consegna a domicilio.
  • Sospese attività di commercio al dettaglio: fatta eccezione per la vendita di generi alimentari e di prima necessità individuati. La vendita dei beni consentiti può avvenire sia negli esercizi “di vicinato” (piccoli negozi) sia nelle medie e grandi strutture di vendita, anche all’interno dei centri commerciali, purché sia consentito l’accesso esclusivamente agli esercizi o alle parti degli esercizi che vendono i beni consentiti.
  • Restano ferme le chiusure previste per i centri commerciali nei giorni festivi e prefestivi.
  • Sono chiusi i mercati, salvo le attività dirette alla vendita di soli generi alimentari.
  • Aperte farmacie, edicole, tabaccai. 
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Sono cinque le regioni che dal 10 maggio cambieranno colore

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AvellinoToday è in caricamento