rotate-mobile
Venerdì, 14 Giugno 2024
Attualità

Il Vescovo Aiello celebra San Modestino: "Agli avellinesi dico di non dimenticare la storia"

Le parole del Vescovo di Avellino in occasione della ricorrenza odierna: "Ci riconosciamo in questa testimonianza, una storia ancora da tramandare, di padre in figlio"

In data odierna, presso il Duomo di Avellino, la comunità ha reso omaggio a San Modestino, Patrono degli avellinesi. La Celebrazione Eucaristica è stata presieduta dal Vescovo del capoluogo irpino, Mons. Arturo Aiello. 

"Riprendiamo in mano la nostra identità e la possibilità di sognare per il domani"

Ecco le sue dichiarazioni: "Ci riconosciamo in questa testimonianza, una storia ancora da tramandare, di padre in figlio. Le concomitanze sono effettivamente problematiche, ma non ci scoraggiamo. Speriamo di essere alla fine del problema, almeno quello grosso. Poi, dietro, c'è tutta una scia di problemi che la pandemia si porterà, ma speriamo che, con l'aiuto di Dio e con la collaborazione di tutti, si possano risolvere i problemi, almeno in parte".

Agli avellinesi il Vescovo rivolge il suo pensiero: "Non dimenticare la storia, che è una bella storia. Non dimenticare i padri, la memoria e di riprendere in mano la nostra identità e la possibilità di sognare per il domani".

Quando ci sono delle emergenze: "Bisogna pensare a due possibilità: la prima è istintiva e consiste nel pensare a sé, ed è terribile perché rischia di chiuderci ciascuno nel suo particulare, come direbbe il Guicciadrini; la seconda consiste nella possibilità di affacciarci tutti insieme per prendere l'unica via percorribile".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Vescovo Aiello celebra San Modestino: "Agli avellinesi dico di non dimenticare la storia"

AvellinoToday è in caricamento