menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Vaccino AstraZeneca per gli insegnanti incassa il 'no' della Cisl: troppi dubbi

Il sindacato chiede un incontro al Cts

Per gli insegnanti pare sia destinato il vaccino anti Covid-19 AstraZeneca, che, rispetto a Pfizer e Moderna, ha una copertura meno efficace. 4 persone su 10 restano infatti scoperte dal vaccino. Una percentuale non trascurabile di inefficacia del vaccino (circa il 40% dei vaccinati), si legge nel comunicato di Cisl scuola.

I dubbi di Cisl scuola

Nell’incontro tra Governo e Regioni per la rimodulazione del piano vaccinale a seguito dei ritardi delle case farmaceutiche, è emersa in effetti l’intenzione di consentire al personale delle forze dell’ordine e al personale scolastico di accedere alla vaccinazione, utilizzando il vaccino AstraZeneca, il cui impiego è rivolto al personale di età inferiore ai 55 anni.

E ancora: molti operatori della scuola si interrogano sui vantaggi di aderire a questa opportunità, a causa della dichiarata minore copertura vaccinale di AstraZeneca rispetto ai più efficaci vaccini Pfizer e Moderna. Si tratta infatti di una adesione libera e volontaria, che pone il personale interessato davanti ad una scelta densa di dubbi ed interrogativi.

La decisone di inserire il personale della scuola nelle priorità della campagna vaccinale e soprattutto di utilizzare il vaccino AstraZeneca, è stata assunta senza alcun coinvolgimento né del Comitato Tecnico Scientifico né dei Sindacati. Non sono state fornite sufficienti informazioni per spiegare perché è opportuno utilizzare il vaccino AstraZeneca piuttosto che nessun vaccino, e se comunque nella percentuale non trascurabile di inefficacia del vaccino (circa il 40% dei vaccinati), in caso di contagio vi sia una attenuazione dei sintomi della malattia rispetto ai non vaccinati.

Gli esponenti del sindacato, inoltre, lamentano una carenza di informazione e dunque una difficoltà a creare quel clima di fiducia, nel mondo della scuola, tale che responsabilmente i soggetti coinvolti possano dire sì al vaccino. A questo scopo, Cisl scuola chiede di essere ascoltata dal CTS per essere messa nelle condizioni di raccogliere informazioni più puntuali attorno ai vaccini (modalità e luoghi della vaccinazione, ad esempio: ci si vaccina presso le sedi scolastiche o negli ambulatori medici?), integrandole con tutti gli opportuni argomenti relativi alla sicurezza e alla garanzia dei lavoratori, anche nell’ottica di rivedere il protocollo di sicurezza nelle scuole.

Le conclusioni cui si giunge nel comuicato di Cisl scuola:

Ciò di cui abbiamo bisogno ora non è solo la disponibilità delle dosi di vaccino necessarie, ma anche la forte capacità delle autorità di comunicare con i cittadini, di diffondere dati robusti ed informazioni verificate che aiutino la popolazione a maturare scelte consapevoli.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Meteo

    Meteo, marzo inizia all'insegna del sole

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AvellinoToday è in caricamento