rotate-mobile
Attualità

"Traccia", Nargi firma il documento di Legambiente Avellino-Alveare

La candidata sindaca: "Siamo stati sempre a favore del confronto, quindi il primo passo da compiere sarà la realizzazione della consulta sull'ambiente"

Ha ottenuto una grande adesione da parte dei candidati a sindaco della città di Avellino "Traccia - La giusta transizione per Avellino". Il documento di Legambiente Avellino-Alveare, presentato il 16 maggio scorso presso il Circolo della Stampa di Corso Vittorio Emanuele dal presidente Antonio Di Gisi e dal vicepresidente Antonio Dello Iaco, è stato sottoscritto anche dalla candidata alla fascia tricolore Laura Nargi.

"Ringrazio Legambiente per la sua presenza costante sul territorio e per il documento redatto. La nostra collaborazione continuerà anche nei prossimi anni" ha assicurato l'ex vicesindaco del capoluogo irpino, sottolineando che alcuni dei punti di "Traccia" sono stati presi già in considerazione e sviluppati dall'amministrazione Festa nei cinque anni appena trascorsi. "Il primo passo sarà la realizzazione della consulta ambientale perché è sempre positivo favorire il confronto" ha aggiunto a margine dell'incontro con i rappresentanti dell'associazione ambientalista, che si è tenuto questa mattina presso la sede del comitato elettorale.

Il documento di Legambiente è frutto di un ampio processo partecipativo e itinerante iniziato a novembre 2023. È stato redatto, infatti, in conclusione di cinque laboratori civici tenuti nei quartieri di Avellino, trattando temi cruciali come il verde pubblico, la mobilità sostenibile, la qualità dell’aria, l'economia circolare e il parco del Fenestrelle. Circa 150 cittadini, coinvolti attivamente nei laboratori, hanno contribuito con idee e proposte che mirano a non lasciare nessuno indietro, garantendo una distribuzione equa dei costi e dei benefici, e incentivando una partecipazione attiva e inclusiva.

Le dieci proposte del documento di Legambiente Avellino-Alveare

  1. L’istituzione della consulta ambientale, una struttura permanente per monitorare e proporrepolitiche ambientali efficaci;
  2. l’approvazione di un regolamento sulle caldaie;
  3. la redazione di un PUCS, piano urbanistico comunale sostenibile
  4. la previsione di un piano di raccolta differenziata con premialità;
  5. la coprogettazione dei parchi pubblici comunali e del Parco del Fenestrelle;
  6. la nomina di un gender city manager;
  7. l’approvazione di un regolamento per una città plastic free;
  8. la redazione di un PUMS, piano urbano della mobilità sostenibile;
  9. la definizione di un piano di raccolta di sfalci epotature;
  10. la creazione di una CERS, comunità energetica rinnovabile solidale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Traccia", Nargi firma il documento di Legambiente Avellino-Alveare

AvellinoToday è in caricamento