Terremoto in Irpinia, il ricordo di Petracca: "Un boato di polvere e poi il silenzio cupo di morte"

Il ricordo del consigliere regionale

Maurizio Petracca, consigliere regionale, ha diffuso via social il personale ricordo del terremoto del 1980: "Di quella sera di fine novembre ho un ricordo nitido. Avevo quasi 13 anni. Nella mia memoria c'è la luna rossa e poi le temperature quasi estive di quella domenica. Nulla lasciava presagire l'inferno. Novanta secondi, tanto durò la scossa. Un boato di polvere e poi il silenzio cupo di morte. L'alba del giorno dopo restituí la distruzione. Di case, chiese, paesi e comunità. Oggi quarant'anni fa. Poi seguì la solidarietà. Gli aiuti. La mobilitazione nazionale ed internazionale. E la ricostruzione. Scelte, alcune giuste e altre meno. L'errore fu decidere in alcuni casi di cancellare le radici e disperdere l'identità. Ma oggi è il giorno della Memoria. Per le quasi tremila vittime, per le loro vite spezzate, per le famiglie disgregate, per le case profanate ed i legami andati in frantumi. Oggi è giusto ricordare con commozione ed intensità. Domani sarà già il giorno utile per continuare nell'impegno, per onorare i morti e dedicarsi al bene dell'Irpinia".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Perturbazione nevosa in Irpinia: ecco tutti i comuni che scelgono di chiudere le scuole

  • In Campania arriva Burian: ondata di gelo e temperature polari

  • Rientro a scuola, il dottor Iuzzolino scrive alle istituzioni: "Sarete responsabili di eventuali danni"

  • Il pizzaiolo Maglione aderisce alla manifestazione pacifica #Ioapro: "Lavorare è un diritto"

  • Nuovo Dpcm: sei regioni in zona gialla, due rossa e il resto in arancione

  • Covid, nuovo studio rivela: "In Campania individuata la variante spagnola"

Torna su
AvellinoToday è in caricamento