rotate-mobile
Attualità

Rientro in classe, la Regione prepara il calendario: per le Superiori si va verso l'1 febbraio

Fortini: "Mi preoccupano le ripercussioni sullcurva epidemiologica"

"Ritengo che se il Tar non dovesse bocciare l'ordinanza del presidente De Luca è plausibile che la didattica in presenza per le superiori parta l'1 febbraio dando il tempo per l'organizzazione agli istituti e ai trasporti. Tutto questo non senza preoccupazioni". 

Lo ha detto l'assessore alla scuola della Regione Campania, Lucia Fortini, rispondendo alle domande dei giornalisti a margine della presentazione del report delle attività svolte dal Forum regionale dei giovani. È dunque possibile che gli studenti delle scuole superiori, in Campania, rientrino in presenza il 1° febbraio.

"Cercheremo di capire quali sono i margini che il Tar ci darà per tracciare il nuovo percorso. A me quello che preoccupa – ha aggiunto l'assessore campano all'Istruzione Lucia Fortini – sono le ripercussioni sulla curva pandemica. Quando fanno obiezione della Campania zona gialla, a differenza delle Regioni rosse dove si va a scuola, dico sempre: questo colore è il frutto delle scelte che abbiamo fatto. Lo stesso decreto nel suo dispositivo dice che i contagi non si sono fermati con la scuola chiusa, ma questo noi lo sappiamo perché non è l'unico luogo dove si trasmette il virus, altrimenti avremmo già sconfitto il Covid in tutto il mondo".

A giudizio di Fortini quando una regione compie una scelta si assume la responsabilità piena di quella scelta, tuttavia dice "Mi amareggia il pensiero che la Regione Campania passi per quella che non vuol portare gli studenti nelle scuole perché nella scorsa legislatura ha investito più di 100 milioni di euro per l'apertura pomeridiana e serale delle scuole. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rientro in classe, la Regione prepara il calendario: per le Superiori si va verso l'1 febbraio

AvellinoToday è in caricamento