Venerdì, 19 Luglio 2024
Attualità

Centomila studenti in piazza, UdS Campania: "Le armi, come le guerre, non sono una soluzione"

A Piazza Plebiscito, gli studenti partecipano alla lettura dei nomi delle vittime innocenti delle mafie

"100mila studentesse e studenti da tutta la Campania per denunciare le carenze della regione Campania in tema di diritto allo studio, parallelamente ad una risposta che è solo repressiva. Le carceri, gli arresti, le volanti per le strade non ci fanno sentire sicure e sicuri: vogliamo giustizia sociale e il completo disarmo" dichiara Sara dell'UdS Campania.

Abbiamo esposto uno striscione sotto la Questura di Napoli che recita "i moschilli non si schiacciano verità e giustizia per Davide Bifolco, Luigi Caiafa e Ugo russo", ragazzi uccisi dal securitarismo sfrenato. Contro la militarizzazione delle città e dei territori abbiamo esposto le nostre rivendicazioni sotto la sede centrale dell'Università Federico II.

Le armi, come le guerre non sono una soluzione possibile, né in Italia, né nel resto del mondo. 

Siamo arrivati a Piazza Plebiscito, dove si svolgerà la lettura dei nomi delle vittime innocenti. L'impegno non finisce qui, oggi abbiamo attraversato le strade di Napoli sentendoci più sicure e sicuri, ma continueremo a farlo in ogni scuola e in ogni città.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Centomila studenti in piazza, UdS Campania: "Le armi, come le guerre, non sono una soluzione"
AvellinoToday è in caricamento