SINAPPE replica a Maraia: "Siamo stufi di chiacchiere e passerelle"

La segreteria locale e provinciale dell’Organizzazione Sindacale SINAPPE replica a muso duro alla visita di Capodanno dell’On. Maraia al carcere di Ariano Irpino

La segreteria locale e provinciale dell’Organizzazione Sindacale SINAPPE replica a muso duro alla visita di Capodanno dell’On. Maraia.

“Siamo stufi di chiacchere e passerelle”

Il carcere del Tricolle, nel giorno di Capodanno, è stato protagonista dell’ennesima preannunciata e infruttuosa “passerella politica”; dopo la visita nel mese di settembre del Senatore leghista Matteo Salvini, a far visita all’Istituto è stata la volta dell’Onorevole Pentastellato Generoso Maraia che ha scelto l’inizio del nuovo anno per inscenare una “visita-farsa” e cosa ancora più irritante era il contorno deplorevole preparato per l’occasione dalla Dirigenza della Casa Circondariale che, impiegando in servizio, per l’occasione, personale a iosa, cerca in tutti i modi di inviare messaggi fuorvianti al mondo esterno facendo credere che tutto funziona dove niente funziona. Il carcere arianese, è bene che si sappia, non è “l’isola che non c’è” di Peter Pan; la finzione è una cosa, la realtà è ben altro. Così, come gran parte degli Istituti di pena periferici, anche quello arianese soffre soprattutto di una carenza cronica di personale di Polizia Penitenziaria ancor più amplificata da una gestione stigmatizzante delle risorse presenti; mentre per quanto concerne il Comparto Funzioni Centrali dal mese di dicembre il Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria ha provveduto al rafforzamento del personale ed ora le cose sembrano andare decisamente nel verso giusto.

Sentir affermare da parte dell’Onorevole Maraia di potenziamenti di personale in divisa e di migliorate condizioni detentive dimostra la scarsa conoscenza sia delle quotidiane criticità che accadono nell’Istituto nella gestione dell’utenza che degli eccessivi carichi di lavoro a cui è sottoposto il comparto sicurezza con particolare gravame sul personale impiegato in servizio nei reparti detentivi costretto a turni massacranti, ben oltre le otto ore quotidiane, e, a cui spesso è negato il diritto alle ferie (ogni turnista mediamente conta non meno di 80 gg di congedi non goduti!!!!!).

E’ ora di smetterla con i pavoneggiamenti e le ipocrisie, siano esse politiche che dirigenziali.

Non basta un “maquillage” fatto di colori alle pareti per definire migliorate le condizioni detentive; è necessaria una seria riflessione ed un’assunzione di responsabilità da parte di TUTTI che sia capace di ridare la dovuta dignità sia all’utenza ma soprattutto ai poliziotti penitenziari troppo spesso martoriati dall’opinione pubblica e dimenticati dai Governanti di turno.

In conclusione, pur ringraziando l’Onorevole Maraia per il simbolico gesto, nell’attesa di futuri “roboanti” arrivi di personale di Polizia Penitenziaria…. “del doman non v’è certezza”…non è più tempo di creare false aspettative; i problemi ci sono e sono reali, vanno affrontati e non sempre e solo discussi; se si è costretti a dirigere avendo in mano una “coperta corta”, da buon padre di famiglia, bisogna far in modo che vi trovino riparo TUTTI e non solo i figli delle “lobbies” sindacali.

La nostra solidarietà e gli auguri che il 2021 sia per davvero un anno di svolta, va, in particolar modo, a tutti quei colleghi in servizio nei reparti detentivi, che con senso di appartenenza, abnegazione e dignità, quotidianamente, nel silenzio, sacrificando le loro vite e quelle loro famiglie, continuano ad essere esemplari servitori dello Stato accomunati da un unico pensiero: “Io, speriamo che me la cavo”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Perturbazione nevosa in Irpinia: ecco tutti i comuni che scelgono di chiudere le scuole

  • In Campania arriva Burian: ondata di gelo e temperature polari

  • Spostamenti per andare dai congiunti e ospiti a casa: cosa succede dal 16 gennaio

  • Il pizzaiolo Maglione aderisce alla manifestazione pacifica #Ioapro: "Lavorare è un diritto"

  • Nuovo Dpcm: sei regioni in zona gialla, due rossa e il resto in arancione

  • Covid, nuovo studio rivela: "In Campania individuata la variante spagnola"

Torna su
AvellinoToday è in caricamento