menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Rientro a scuola, il dottor Iuzzolino scrive alle istituzioni: "Sarete responsabili di eventuali danni"

La lettera del medico della Malzoni

Riportiamo di seguito una lettera del dottor Domenico Iuzzolino, medico in Endoscopia Ginecologica Avanzata presso la Casa di Cura Malzoni di Avellino, Iuzzolino, via pec, ha scritto ai dirigenti dell'istituto scolastico dei suoi figli ed altre istituzioni, facendo un appello a seguito dell’ultima ordinanza scolastica che prevede il rientro nelle scuole con la didattica in presenza. Questa la lettera: "Questa è la pec che mi accingo ad inviare ai dirigenti degli istituti scolastici dei miei figli, a sindaco ed assessore comunale all'istruzione, al presidente della regione ed al relativo assessore, ai dirigenti provinciali e regionali del Provveditorato agli Studi, ai Ministeri della Salute e della Pubblica Istruzione: La presente per comunicare il rientro in classe del minore in oggetto Posto Che è in atto una pandemia per virus respiratorio potenzialmente letale o in grado di provocare danni funzionali irreversibili e per il quale non è disponibile una terapia efficace".

"Che per ammissione della comunità scientifica internazionale fino alla somministrazione dei vaccini attualmente disponibili ad una porzione adeguata della popolazione (immunità di gregge) l'unica efficace prevenzione è il distanziamento sociale e l'utilizzo diffuso e continuo di dispositivi di protezione individuale delle vie respiratorie Che il rientro in classe presenta rischi concreti di contrarre il virus cov/sars2 come ammesso dal Dr. Miozzo, componente del Comitato Tecnico Scientifico nazionale ("il rientro in classe è un rischio calcolato ") Che i dati statistici sui quali questo rischio è stato calcolato non sono stati resi pubblici Che le famiglie dei minori che rientreranno in classe non sono state coinvolte nel processo decisionale".

"Che alle famiglie non è stata proposta una alternativa al rientro in classe, come l'opportunità di proseguire la didattica a distanza che fino ad oggi si è dimostrata una valida alternativa Che non sono state predisposte modifiche strutturali od organizzative in grado di ridurre i rischi connessi alla didattica in presenza (riduzione degli utenti in aula con turnazione delle classi anche al pomeriggio) Che non sono stati installati dispositivi di filtraggio e circolazione dell'aria ambiente in grado di sostituire almeno tre volte/ora il volume del locale come raccomandato dalla comunità scientifica Si comunica che Le S.V. verranno ritenute personalmente responsabili in sede Civile, Penale ed Amministrativa per i danni che dovessero derivare al minore in oggetto, ai familiari ed a terzi dal contagio o dalla conseguente quarantena. In fede, Dottore Domenico Iuzzolino".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Zona Rossa, la precisazione della Regione Campania

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AvellinoToday è in caricamento