Attualità

Obbligo green pass, Abrignani: "Andrebbe esteso agli studenti over 12"

Lo ha affermato Sergio Abrignani, membro del Cts, professore ordinario di Immunologia all'Università Statale e direttore dell' Istituto nazionale di genetica molecolare Invemizzi del Policlinico di Milano

"Bisogna dividere le scuole tra quelle con studenti sopra i 12 anni, che vanno vaccinati, e quelle con classi sotto, per cui si attende l'autorizzazione dell'Ema". Così Sergio Abrignani, membro del Cts, professore ordinario di Immunologia all'Università Statale e direttore dell' Istituto nazionale di genetica molecolare Invemizzi del Policlinico di Milano, a 'La Stampa' affronta i problemi dell'inizio dell'anno scolastico. Sulla terza dose, l'immunologo sottolinea che "la circolare del ministero non c'è ancora, ma l'orientamento è dare la terza dose a tutti gli italiani nel 2022".

Cosa succede nelle scuole sopra i 12 anni? "Il personale scolastico è vaccinato e molti ragazzi pure. Per proteggere meglio la comunità il Green pass andrebbe esteso a tutti gli studenti sopra i 12 anni, come all'università", suggerisce. E nelle scuole sotto 12 anni? "Il personale è sempre vaccinato, anche perché rischia di più con bambini non ancora vaccinati, per cui ci saranno dei focolai. E' importante coprirli non appena arriverà l'autorizzazione dell'Ema. A parte gli under 12 nessun altro cittadino con qualsiasi problema è giustificato a non vaccinarsi".

Il Green Pass fin dove verrà allargato? "Per me a qualsiasi attività al chiuso con più di due persone", risponde Abrignani. Compresi gli uffici? "E l'unico modo per mitigare i 10 milioni di non vaccinati, di cui 3 a rischio perché over 50. Ricordo che la morte è 15 volte più probabile nei non vaccinati". Non sarebbe più diretto l'obbligo? "L'ho sempre pensato, ma è poco praticabile. I No vax che vivono di certezze paranoidi sono circa 1 milione e non si può mandargli i carabinieri a casa". Non si arriverà all'obbligo dunque? "Diventerebbe uno stato di polizia o un obbligo senza applicazione - osserva-. E' meglio allargare al massimo il Green Pass, tanto che politici e gli intellettuali che lisciano il pelo ai No vax lo temono e propongono l'obbligo, proprio perché sanno che sarebbe impraticabile".

Il Green Pass basterà ad arrivare al 95% di vaccinati? "Sì, anche se non si conosce la percentuale sufficiente per contrastare la variante Delta. Certo è sopra al 90%", prosegue Abrignani. E poi come si manterrà l'immunità? "Dopo la terza dose la memoria immunologica dovrebbe durare anni, almeno così accade con molte malattie infettive. A quel punto il virus potrebbe diventare endemico come il morbillo, cioè a bassa incidenza contro una popolazione largamente immune", chiarisce.

Nonostante la situazione globale? "Sì, salvo varianti pericolose e se entro il 2022 renderemo la situazione stabile in Europa con la terza dose ed entro il 2023 faremo lo stesso con il resto del mondo", conclude.

(ADNKRONOS)

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Obbligo green pass, Abrignani: "Andrebbe esteso agli studenti over 12"

AvellinoToday è in caricamento