rotate-mobile
Giovedì, 11 Agosto 2022
Attualità

San Gennaro (per ora) niente miracolo: è successo anche in occasione del Terremoto in Irpinia

Il prodigio del sangue non si è ancora verificato

É attesa per oggi la liquefazione del sangue di San Gennaro. Ma il prodigio (denominato "miracolo laico"), per ora, non si è ancora rinnovato. Secondo la tradizione legata al Santo protettore di Napoli, questa è l’ultima delle tre date (le altre sono la prima domenica di maggio e il 19 settembre) in cui il sangue si scioglie. L’abate della Cappella di San Gennaro del Duomo di Napoli, monsignor Vincenzo De Gregorio, però al termine della messa della 9 ha annunciato: “Quando abbiamo preso la teca dalla cassaforte il sangue era assolutamente solido e rimane assolutamente solido“.

Tutte le volte (o quasi) in cui il miracolo non si è verificato, sono avvenute sventure non solo per la città all'ombra del Vesuvio, ma anche per l'intera Campania o per l'Italia. Ad esempio, nel settembre '39 è scoppiata la seconda guerra mondiale; nel 1973 c’è stata l’epidemia di colera; mentre nel 1980 il drammatico terremoto in Irpinia. La mancata liquefazione, in sostanza, viene considerata portatrice di eventi drammatici. Ovviamente, la giornata è lunga e c’è tempo fino a stasera. La teca con le ampolle, infatti, sarà riportata nella Cappella per essere ripresa nuovamente alle 16.30, in vista della celebrazione delle 18,30.

Leggi la notizia su NapoliToday

In Evidenza

Potrebbe interessarti

San Gennaro (per ora) niente miracolo: è successo anche in occasione del Terremoto in Irpinia

AvellinoToday è in caricamento