menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Protesta dei lavoratori Rsa di Nusco, Biancaniello: "È l'ora di trovare una soluzione"

La nota del capogruppo di "Ricominciamo da Nusco"

Riceviamo e pubblichiamo la nota di Francesco Biancaniello (Ricominciamo da Nusco) sulla questione riguardante la protesta dei lavoratori della Rsa di Nusco e sull'urgenza di trovare una soluzione per risolvere tale questione.

Nusco. Manifestazione di protesta dei lavoratori della locale RSA che chiedono risposte immediate dall’ASL di Avellino ed dalla società di servizi che gestisce la struttura sul loro futuro occupazionale ancora molto incerto. Stamani è stata organizzata una manifestazione tenutasi all’esterno della struttura RSA di Nusco nel rispetto della normativa anticovid 19 a cui hanno partecipato, tra gli altri, molti lavoratori, alcune sigle sindacali ed il gruppo di minoranza “Ricominciamo da Nusco” al fine di tenere alta l’attenzione sulla grave situazione occupazionale e protestare per la mancanza di risposte ai loro problemi occupazionali. In questo periodo - evidenzia il capogruppo Avv. Francesco Biancaniello - andrebbero potenziate tutte le attività e strutture legate al mondo socio sanitario ma finora nessuna risposta è stata data dalla competente ASL di Avellino più volte sollecitata a fornire chiarimenti ed a dare garanzie sul futuro lavorativo degli operatori RSA. Ormai sono anni che la questione si trascina senza una reale e concreta soluzione. I lavoratori sono esasperati anche perché vedono la situazione peggiorare giorno per giorno ed i loro continui appelli rimanere inascoltati! Mancano ospiti e non si capisce per quale ragione l’ASL non ne invii di nuovi. In questo quadro, la situazione lavorativa è diventata molto pesante, poco personale impiegato rispetto alle potenzialità della struttura, turni massacranti e salari bassi alimentano tensione. Inoltre, la mancanza di una chiara politica dell’ASL riguardo il futuro della struttura alimenta instabilità facendo crescere senso di precarietà e frustrazione nei lavoratori. C’è anche tanta rabbia perché il personale RSA non merita questo trattamento in quanto loro svolgono un servizio che li vede, quotidianamente, impegnati nella delicata e professionale cura degli anziani, oltre a dover fronteggiare l’emergenza sanitaria mettendo a rischio la loro salute e quella delle loro famiglie. E’ arrivato il momento di risolvere una volta per tutte questa situazione che sembra prendere sempre più le sembianze di una vera e propria vertenza. Noi del gruppo di minoranza continueremo ad essere al fianco del personale della RSA e delle loro famiglie 2 per questa vicenda che desta sempre più motivo di allarme e tensione sociale ed invitiamo - conclude l’avv. Francesco Biancaniello - tutti i lavoratori a non perdere la speranza e quindi a lottare e rimanere uniti per rivendicare con forza i loro diritti chiedendo un tavolo di mediazione in Prefettura e chiamando con insistenza la politica, gli amministratori, i responsabili istituzionali e contrattuali, oggi assenti, a fare la propria parte!

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Sono cinque le regioni che dal 10 maggio cambieranno colore

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AvellinoToday è in caricamento